Chiesti 5 anni per Gianni Alemanno: “Era il politico di riferimento di Mafia Capitale”

alemanno mafia capitale

L’inchiesta “Mondo di Mezzo” su Mafia Capitale ha portato la Procura di Roma a chiedere 5 anni di carcere per l’ex sindaco della capitale, Gianni Alemannno, reo, secondo l’accusa, di aver ricevuto finanziamenti illeciti ed aver avuto un ruolo chiave nell’organizzazione di Mafia Capitale.

Gianni Alemanno è stato eletto sindaco a Roma nel 2008, fino a giugno 2013. I reati attribuiti all’ex sindaco sono corruzione e finanziamento illecito, secondo l’accusa, infatti, ha ricevuto tra il 2012 ed il 2014 oltre 220 mila euro per operare in maniera illecita.

I soldi sarebbero stati versati da Salvatore Buzzi, una delle persone al centro dell’inchiesta, sotto esplicita richiesta di Massimo Carminati, considerato il capo dell’organizzazione criminale, ad una fondazione (Nuova Italia) di cui Alemanno era il presidente.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here