Siria, colpito alla testa il fotografo italiano Gabriele Micalizzi

siria isis

Il fotografo rimasto colpito nella zona di Deir Ezzor, in Siria, è Gabriele Micalizzi, un freelance che collabora con importanti testate internazionali, mentre stava documentando l’offensiva curda, con appoggio USA, contro l’ultima roccaforte dell’ISIS.

Gabriele Micalizzi non sarebbe in pericolo di vita, dopo essere stato colpito alla testa da delle scheggie di un razzo, secondo fonti curde tornerà in Italia a breve, per ricevere migliori cure. Al momento sarebbe in volo verso Baghdad, la Farnesina sta seguendo l’evolversi della crisi per prestare assistenza.

Era nella zona di Deir Ezzor con un collaboratore della Cnn, per documentare lo scontro a fuoco che sta iniziando nella zona, con l’obiettivo di smantellare l’ultima zona in mano all’ISIS.