Etiopia, prima di schiantarsi il pilota voleva prendere quota: il Boeing 737 era troppo veloce

ACQUISTI

Stando ad una registrazione audio ascoltata da un giornalista internazionale, il pilota aveva chiesto di prendere quota poco prima di perdere il controllo del Boeing 737 Max 8, il motivo sembra essere l’elevata velocità che aveva preso il veicolo.

Troppo veloce per poterlo controllare, per questo il pilota voleva salire a 14000 piedi (6400 metri), probabilmente per avere un margine di manovra e verificare il problema che stava avendo. Non è ancora escluso il problema al software della Boeing, che farebbe entrare in funzione l’anti stallo anche in condizioni stabili e questo porta l’aereo ad essere incontrollabile.

Dopo l’incidente in Etiopia, molti paesi hanno fermato quel modello di Boeing 737 Max 8, considerato che il problema tecnico è ancora il più probabile ed aveva causato anche un altro schianto in Indonesia. La Boeing continua a perdere in borsa, nonostante le rassicurazioni e la promessa di un aggiornamento software per risolvere il problema.

SEZIONI

Ultime notizie

Sindaco di Roma, Letta: “Si facciano le primarie”. Calenda: “Le nostre strade si separano”

Continua la polemica per la candidatura del centrosinistra a Roma, con il leader di Azione, Carlo Calenda, che ha...