Imane Fadil, istituto Enea esclude radioattività

ACQUISTI

Ci sono sviluppi sull’autopsia di Imane Fadil, la ragazza morto ad inizio marzo in condizioni ancora misteriori, con l’istituto Enea di Roma che ha svolto degli esami approfonditi sugli organi della giovane.

Imane Fadil è stata testimone al processo Ruby ter contro Berlusconi, per questo la sua prematura scomparsa ha creato molti dubbi e polemiche, con l’apertura dell’inchiesta da parte della Procura di Milano, che all’inizio ipotizzava un avvelenamento con sostanze radioattive.

Dagli esami fatti dal centro specializzato Enea, non ci sarebbero riscontri di sostanze radioattive, dopo aver esaminato gli organi della ragazza, che sono gli unici tessuti che possono trattenere quelle sostanze. Lo ha annunciato alla stampa il legale della famiglia, Mirko Mazzali, presente a Milano per ulteriori esami autopsici.

spot_img

SEZIONI

spot_img
spot_img

Ultime notizie

Black Friday, super sconto per abbonamento 12 mesi del PlayStation Plus

In super sconto l'abbonamento del PlayStation Plus per la settimana del Black Friday, con un prezzo fissato a 39,99...
spot_img