Napoli, spari tra clan: 6 arresti di cui un minore

ACQUISTI

Ci sono stati degli spari a Napoli, tra piazza Trieste e Trento, per una “faida” tra clan, con la polizia che è subito intervenuta, fermando sei persone, di cui una è risultata minorenne.

L’accusa verso le sei persone sono di detenzione illegale di arma da fuoco, spari in luogo pubblico e reati aggravati da finalità mafiose, perché, secondo i Carabinieri, il fatto è stato commesso con l’intimidazione del clan camorristico Minichini-De Luca Bossa e con l’obiettivo di dimostrare superiorità ad un altro clan, quello della famiglia Mariano.

L’indagine delle forze dell’ordine era già partita il 19 marzo scorso, quando c’erano stati degli episodi intimidatori, sempre a piazza Trieste e Trento, con degli spari verso negozi e commercianti, a tarda notte, nella zona più centrale di Napoli. Secondo i Carabinieri, all’origine dello scontro, un litigio tra i due clan il giorno prima, che avrebbe poi causato le azioni intimidatorie.

spot_img

SEZIONI

spot_img
spot_img

Ultime notizie

Libri Scolastici 2022/2023 in offerta: la guida all’acquisto

Un nuovo anno scolastico è iniziato nelle classi degli studenti italiani, quello 2022/2023 che segna anche il ritorno alla...
spot_img