Libia, si intensificano gli scontri a Tripoli, oltre 120 morti e 560 feriti

libia profughi haftar tripoli

Cresce l’intensità del conflitto al sud di Tripoli, dove i militari di Haftar hanno iniziato l’offensiva e sono stati contrastati dalle forze del governo di Al Sarraj, causando morti e molti profughi tra i civili che sono rimasti intrappolati nelle zone del conflitto.

Oltre 120 morti, con anche 28 bambini, molti i feriti, ma le organizzazioni umanitarie fanno sapere che ci sono dei civili che non riescono ad uscire da Tripoli e dalle zone dove si stanno scontrando i due eserciti. A riferirlo è l’Organizzazione mondiale per la sanità, che ha stimato i morti ed i feriti nel conflitto di queste prime settimane.

In totale ci sarebbero già 6000 profughi, con i trafficanti che stanno organizzando già alcuni sbarchi con barconi per dirigersi verso l’Europa. Secondo le ultime notizie dei media locali, le forze di Haftar sarebbero in ritirata in alcune zone, perché a corto di armi, inoltre si fa notare come molti militari nelle truppe di Haftar siano con poca esperienza.