Caso Cucchi, stretta di mano tra il superteste ed Ilaria: “Mi dispiace”

ACQUISTI

Dopo l’interrogatorio, avvenuto in aula davanti la Corte d’Assise, il carabiniere Tedesco, superteste al processo, si è avvicinato a Ilaria Cucchi, stringendole la mano e scusandosi con lei. Il carabiniere è accusato di omicidio preterintezionale ed ha accusato altri sue due colleghi per il pestaggio di Stefano Cucchi.

“Mi dispiace”, queste le parole pronunciate da Francesco Tedesco ad Ilaria Cucchi, al termine della sua deposizione, dove era presente anche la sorella di Stefano Cucchi.

“Dopo il primo schiaffo, Stefano non si è lamentato e non ha gridato. Quando era a terra gli è arrivato un altro calcio, non ha detto niente. Quando l’ho rialzato gli ho chiesto se stava bene e lui mi ha risposto di stare tranquillo perché era un pugile”, questa la deposizione di Francesco Tedesco alla Corte d’Assise. Inoltre il carabiniere ha confermato che era evidente che non stava bene. Ora bisognerà vedere come si procederà nei confronti degli altri due carabinieri accusati.

spot_img

SEZIONI

spot_img
spot_img

Ultime notizie

Coronavirus, Bollettino Protezione Civile 17 maggio: 3 mila casi positivi. Calo dei tamponi

I dati di oggi 17 maggio sul coronavirus in Italia sono stati forniti dalla Protezione Civile via web. Nei...
spot_img