Ryanair sotto accusa per il “supplemento neonato”

ACQUISTI

La nota compagnia low cost Ryanair è sotto accusa per aver inserito un supplemento di pagamento per chi trasporta neonati: 25 euro per ogni bambino sotto i due anni. Una mossa che non è piaciuta agli utenti, che hanno iniziato a commentare negativamente sui social.

Una delle accuse più pesanti arriva da Federconsumatori, che fa notare come la compagnia aerea abbia “tassato” i neonati con la cifra di 25 euro, da pagare sia sulla prenotazione online, sia per chi acquista in aeroporto.

Dalla Ryanair arriva subito la replica: “Esiste già da anni e non è mai stato aumentato”, così l’azienda cerca di calmierare la questione. Andando a vedere i documenti, nei “supplementi facoltativi” è possibile aggiungere il trasporto di neonato, al costo di 25 euro e risulta aggiornato al 18 aprile. Secondo Federconsumatori non è possibile far pagare un neonato che deve rimanere in braccio ai genitori e non dispone di un posto.

spot_img

SEZIONI

spot_img
spot_img

Ultime notizie

Coronavirus, Bollettino Protezione Civile 5 maggio: oltre 10 mila casi positivi. Salgono i tamponi

I dati di oggi 5 maggio sul coronavirus in Italia sono stati forniti dalla Protezione Civile via web. Nei...
spot_img