Sri Lanka, sono 321 i morti accertati, il governo sotto accusa per la sicurezza

ACQUISTI

Dopo due giorni dall’attacco in Sri Lanka, sono 321 i morti accertati dalle autorità e dai soccorsi, mentre il governo è stato messo sotto accusa per la facilità con la quale gli attentatori sono riusciti ad entrare nelle chiese muniti di zaini esplosivi.

Il bilancio ancora non è definitivo, con oltre 500 feriti e con l’inizio di alcuni funerali di massa, nella chiesa di San Sebastiano, nella città di Negombo, a nord della città.

Il governo ha cercato di prendere delle contromisure, imponendo il coprifuoco dalle 8 di sera alle 4 di mattina, oltre a dichiarare lo stato di emergenza ed il lutto nazionale. Con lo stato di emergenza in atto, la polizia può interrogare sospetti senza l’ok di un tribunale, fino ad ora sono state fermate 40 persone, in un clima molto simile a quello di una guerra civile. Anche i social sono stati bloccati nel paese, per evitare, forse di far comunicare gli eventuali attentatori.

spot_img

SEZIONI

spot_img
spot_img

Ultime notizie

Libri Scolastici 2022/2023 in offerta: la guida all’acquisto

Un nuovo anno scolastico è iniziato nelle classi degli studenti italiani, quello 2022/2023 che segna anche il ritorno alla...
spot_img