Chiesti 12 anni per Vito Nicastri, persona chiave nell’indagine che ha coinvolto anche Siri

nicastri chiesti 12 anni siri

Sono stati chiesti 12 anni per Vito Nicastri, il “re dell’eolico”, imprenditore già agli arresti domiciliari e nella stessa indagine per la quale è coinvolto Armando Siri, il sottosegretario della Lega.

Il Pm di Palermo, Gianluca De Leo, ha accusato Nicastri di concorso in associazione mafiosa ed intestazione fittizia di beni. Nicastri è sotto indagine da parte della Procura di Palermo per un giro di tangenti intorno alla figura di Paolo Arata, ex deputato di Forza Italia, che ora si è avvicinato alla Lega.

Una delle accuse più pesanti è quella della vicinanza di Nicastri al boss ricercato Matteo Messina Denaro, al quale avrebbe finanziato la latitanza. Secondo gli inquirenti, Nicastri continuava a “lavorare” anche da casa dagli arresti domiciliari, violando i divieti di comunicazione imposti dal Tribunale, per questo è stata richiesta la custodia cautelare in carcere.