25 aprile, in 70mila a Milano, il sindaco Sala: “Non facciamo passi indietro, Resistenza è viva”

milano corteo 25 aprile sindaco sala

Oggi è sfilato a Milano il corteo antifascista per il 74esimo anniversario della Liberazione, con il sindaco Beppe Sala in prima fila, oltre alle tre principali sigle sindacali, il segretario del PD e la Brigata Ebraica, che è stata contestata da alcuni filo-palestinesi che sfilavano nel corteo.

“Milano farà la sua parte come la città più antifascista d’Italia”, queste le parole del sindaco di Milano, città Medaglia d’oro della Resistenza, in una delle più affollate manifestazioni per il 25 aprile. Secondo gli organizzatori sono stati 70mila i partecipanti.

Contestata la Brigata Ebraica, nella zona di San Babila, con i cori “via i sionisti dal corteo” ed altri slogan contro Israele. Qualche problema con alcuni manifestanti ed attivisti del M5S, che sono venuti allo scontro con altri partecipanti, ma senza che la situazione degenerasse, anche grazie all’intervento delle forze dell’ordine, che hanno portato via la trentina di attivisti del M5S che erano stati presi di mira. Contestato anche l’esponente PD, Emanuele Fiano.