Brexit, May: “La colpa è dei Labour senza posizione”. Sondaggi: Farage al 35%

brexit farage sondaggi theresa may

Ulteriore confusione nel Regno Unito, con una lettera in cui Corbyn chiude alle trattative con Theresa May per far passare l’accordo della Brexit, mentre la premier britannica incolpa proprio i laburisti, incapaci di prendere una posizione tra l’uscita dell’UE ed un nuovo referendum.

Intanto i sondaggi danno Farage ed il suo partito “Brexit Party” al 35%, segno che la voglia di uscita dal Regno Unito è ancora alta, mentre sono i risalita i liberali, al 20%, dopo aver fatto una campagna netta sul Remain. Crollo dei conservatori al 9%, sarebbe il peggior risultato della storia dei Tories, mentre i laburisti si fermano al 15%, dopo essere stati vicini al 40% un anno fa.

Il record di Nigel Farage è emblematico della situazione che va avanti da mesi alla Camera dei Comuni, con una bocciatura dopo l’altra ed una Theresa May che non ha saputo dare risposte al popolo del “Leave”, che ora si è riunito nuovamente con l’organizzatore della Brexit, ex leader di Ukip. La posizione dei laburisti rimane effettivamente ambigua, perché insieme ai LibDem avrebbero la maggioranza nominale, se si uniscono anche altri partiti Remain, come i verdi e ChangeUK, rispettivamente al 10% e 5%. Alla May molti contestano l’aver portato di nuovo il Regno Unito alle elezioni europee.