Brexit, May: “La colpa è dei Labour senza posizione”. Sondaggi: Farage al 35%

Da leggere

Regionali, finisce 3-3. Plebiscito per Zaia e De Luca. Emiliano vince in Puglia e Giani in Toscana

Un plebiscito per i governatori uscenti Luca Zaia e Vincenzo De Luca, che vengono confermati alla guida...

Exit Poll, Referendum: Sì al 60%. Giani in vantaggio su Ceccardi, testa a testa in Puglia

Sono usciti i primi exit poll per quanto riguarda il referendum e le elezioni regionali, con la...

Borse in rosso oggi 21 settembre, pesano rischi Covid e tensioni Usa-Cina

Le Borse di oggi 21 settembre hanno aperto in rosso, a causa della nuova ondata di casi...

Acquisti

I migliori zaini da montagna 2020: recensioni e prezzi su Amazon

In questo periodo molte persone sfruttano la stagione per effettuare delle escursioni in montagna, ma spesso quello...

Migliori smartwatch 2020: opinioni e guida all’acquisto

Negli ultimi anni la vendita di smartwatch è aumentata in maniera esponenziale, con diversi dispositivi a seconda...

Migliore lavasciuga 2020: opinioni e guida all’acquisto

Con l'avvento delle asciugatrici casalinghe qualche anno fa, il mercato è diventato denso di offerte di nuovi...

Ulteriore confusione nel Regno Unito, con una lettera in cui Corbyn chiude alle trattative con Theresa May per far passare l’accordo della Brexit, mentre la premier britannica incolpa proprio i laburisti, incapaci di prendere una posizione tra l’uscita dell’UE ed un nuovo referendum.

Intanto i sondaggi danno Farage ed il suo partito “Brexit Party” al 35%, segno che la voglia di uscita dal Regno Unito è ancora alta, mentre sono i risalita i liberali, al 20%, dopo aver fatto una campagna netta sul Remain. Crollo dei conservatori al 9%, sarebbe il peggior risultato della storia dei Tories, mentre i laburisti si fermano al 15%, dopo essere stati vicini al 40% un anno fa.

Il record di Nigel Farage è emblematico della situazione che va avanti da mesi alla Camera dei Comuni, con una bocciatura dopo l’altra ed una Theresa May che non ha saputo dare risposte al popolo del “Leave”, che ora si è riunito nuovamente con l’organizzatore della Brexit, ex leader di Ukip. La posizione dei laburisti rimane effettivamente ambigua, perché insieme ai LibDem avrebbero la maggioranza nominale, se si uniscono anche altri partiti Remain, come i verdi e ChangeUK, rispettivamente al 10% e 5%. Alla May molti contestano l’aver portato di nuovo il Regno Unito alle elezioni europee.

SEGUICI SUI SOCIAL

4,584FansLike
2,360FollowersFollow
389FollowersFollow

Ultime notizie

Regionali, finisce 3-3. Plebiscito per Zaia e De Luca. Emiliano vince in Puglia e Giani in Toscana

Un plebiscito per i governatori uscenti Luca Zaia e Vincenzo De Luca, che vengono confermati alla guida...

Exit Poll, Referendum: Sì al 60%. Giani in vantaggio su Ceccardi, testa a testa in Puglia

Sono usciti i primi exit poll per quanto riguarda il referendum e le elezioni regionali, con la conferma della vittoria del Sì...

Borse in rosso oggi 21 settembre, pesano rischi Covid e tensioni Usa-Cina

Le Borse di oggi 21 settembre hanno aperto in rosso, a causa della nuova ondata di casi da coronavirus in diversi Paesi...

Migranti, accordi con la Tunisia per i rimpatri straordinari

Sono iniziati i rimpatri straordinari con la Tunisia, con 500-600 persone al mese che saranno rimpatriate con dei voli charter. I flussi...

Altri articoli