Ricoverato Roberto Giachetti dopo 83 ore di sciopero solido e liquido per Radio Radicale

roberto giachetti ricoverato sciopero sete

È stato ricoverato all’ospedale San Carlo di Nancy, a Roma, il deputato del PD, Roberto Giachetti, dopo 83 ore di sciopero solido e liquido nella sua battaglia “non violenta”, come l’ha lui stesso definita nel protestare contro la revoca della convenzione a Radio Radicale.

Le richieste di Giachetti e di una parte delle opposizioni è quella di prorogare l’attuale convenzione di sei mesi, come è stato proposto anche con un emendamento leghista nelle settimane scorse. Nel bollettino medico sono indicate le cause del ricovero: “Disidratazione ed ipotensione con astenia marcata”, con i medici che hanno chiesto a Roberto Giachetti di tornare a bere e mangiare, ma di fronte al rifiuto del deputato, è stato posto in ricovero sotto stretta osservazione.

Il capogruppo del PD alla Camera, Graziano Del Rio, ha rivolto un appello al suo collega: “Ti chiediamo di fermare la tua iniziativa non violenta, ti vogliamo accanto per la battaglia in Parlamento. Riprendi a bere”. Una storica esponente del Partito Radicale, Emma Bonino ora in +Europa, ha parlato dell’emendamento della Lega: “Mi sembra ci sia l’idea di dare una proroga, spero vada in porto”.