Caso Cucchi, l’Arma e la Difesa chiedono di essere parti civili. Ilaria Cucchi: “Emozionata”

ACQUISTI

L’Arma dei Carabinieri ed il Ministero della Difesa chiedono di essere parte civile nel processo che vede imputati otto militari, tra cui sono presenti anche cariche ufficiali, per il depistaggio sulla morte di Stefano Cucchi.

Dopo anni di procedimenti, che sembravano finire in un nulla di fatto, le deposizioni e testimonianze dei carabinieri pentiti hanno permesso la riapertura del caso, con alcuni carabinieri che rischiano la condanna per falso e manomissione di atti giudiziari.

A chiedere l’istanza di costituirsi parte civile è stato anche il carabiniere Riccardo Casamassima, la famiglia Cucchi, gli agenti della polizia penitenziaria ed alcune associazioni. Il gup si è riservato di prendere la decisione su queste istanze.

“Giornata importante, sono emozionata del fatto che l’Arma dei carabinieri si sia costituita parte civile al nostro fianco”, ha dichiarato Ilaria Cucchi, a margine della prima udienza davanti al gup. “Una cosa senza precedenti, dimostra che non è vero che la famiglia Cucchi è contro l’Arma e viceversa”, ha concluso la sorella di Stefano Cucchi.

spot_img

SEZIONI

spot_img
spot_img

Ultime notizie

Xiaomi Mi 11 Lite in offerta su Amazon: prezzo abbassato del 20%

Nelle ultime ore è stato messo in offerta lampo su Amazon lo smartphone Xiaomi Mi 11 Lite, con uno...
spot_img