Radio Radicale, stop alla proroga della convenzione: emendamenti bocciati

ACQUISTI

Radio Radicale rischia la chiusura, con la convenzione in scadenza nella giornata di oggi, che mette l’emittente a rischio chiusura, visto che è sfilata anche l’ultima ipotesi di salvataggio, con l’emendamento leghista che voleva la proroga di sei mesi della convenzione che non è stato ammesso.

Nella Commissione bilancio, in riferimento al decreto Crescita, sono state ritenute inammissibili tutte le proposte di proroga della convenzione, che aggiungevano dei fondi per far continuare la convenzione a Radio Radicale.

Il deputato PD, Filippo Sensi, ha dichiarato che verrà presentato il ricorso, insieme a commenti critici che arrivano sia da Renato Brunetta, sia da Nicola Zingaretti. Robero Giachetti è ricoverato in ospedale da ieri, con il suo sciopero della fame e della sete per Radio Radicale.

Il direttore di Radio Radicale, Alessio Falconio, ha dichiarato che senza la proroga non potranno essere pagati gli stipendi di giugno. Il vicepremier Luigi Di Maio il mese scorso aveva dichiarato che il governo era al lavoro per trovare una soluzione.

spot_img

SEZIONI

spot_img
spot_img

Ultime notizie

Coronavirus, Bollettino Protezione Civile 5 maggio: oltre 10 mila casi positivi. Salgono i tamponi

I dati di oggi 5 maggio sul coronavirus in Italia sono stati forniti dalla Protezione Civile via web. Nei...
spot_img