È arrivata la lettera della Commissione UE: attesa risposta entro venerdì

Da leggere

Coronavirus, Bollettino Protezione Civile 20 settembre: altri 1.587 casi, calano i tamponi

I dati di oggi 20 settembre sul coronavirus in Italia sono stati forniti dalla Protezione Civile via...

Pompeo sfida il Vaticano: ritiri gli accordi con Pechino o perderà autorità morale

Il segretario di Stato americano, Mike Pompeo, si è scagliato contro il Vaticano, per via degli accordi...

Sea Watch 4, ispezione e fermo della nave

La nave Sea Watch 4 è stata fermata nella zona di Palermo, dopo 11 ore di ispezione...

Acquisti

I migliori zaini da montagna 2020: recensioni e prezzi su Amazon

In questo periodo molte persone sfruttano la stagione per effettuare delle escursioni in montagna, ma spesso quello...

Migliori smartwatch 2020: opinioni e guida all’acquisto

Negli ultimi anni la vendita di smartwatch è aumentata in maniera esponenziale, con diversi dispositivi a seconda...

Migliore lavasciuga 2020: opinioni e guida all’acquisto

Con l'avvento delle asciugatrici casalinghe qualche anno fa, il mercato è diventato denso di offerte di nuovi...

Oggi è arrivata l’annunciata lettera della Commissione europea, preoccupata dell’andamento economico dell’Italia dopo gli accordi presi a fine 2018, che prevedevano altri numeri rispetto a quelli a cui si sta andando incontro.

La lettera è una richiesta di chiarimenti sulla deviazione dei conti pubblici da quelli accordati con la Commissione a novembre e fa riferimento sia al 2018 che al 2019. Indirizzata al Ministro dell’Economia, Giovanni Tria, è stata firmata da Moscovici e Dombrovski.

All’Italia vengono chiesti chiarimenti sul rapporto del debito, in aumento sia quest’anno, sia il prossimo anno. Se le risposte non saranno ritenute sufficienti, presumibilmente si aprirà una procedura d’infrazione, che potrebbe arrivare il 5 giugno. Juncker lo aveva anticipato nel vertice di ieri a Bruxelles al premier Conte.

Le domande della Commissione riguardano il peggioramento del rapporto debito/pil, che è dato in aumento al 135% nel 2020, mentre gli accordi prevedevano una diminuzione. Il governo italiano dovrà indicare dei motivi oggettivi che giustifichino quest’inversione di tendenza.

SEGUICI SUI SOCIAL

4,584FansLike
2,360FollowersFollow
390FollowersFollow

Ultime notizie

Coronavirus, Bollettino Protezione Civile 20 settembre: altri 1.587 casi, calano i tamponi

I dati di oggi 20 settembre sul coronavirus in Italia sono stati forniti dalla Protezione Civile via...

Pompeo sfida il Vaticano: ritiri gli accordi con Pechino o perderà autorità morale

Il segretario di Stato americano, Mike Pompeo, si è scagliato contro il Vaticano, per via degli accordi con la Cina sulla nomina...

Sea Watch 4, ispezione e fermo della nave

La nave Sea Watch 4 è stata fermata nella zona di Palermo, dopo 11 ore di ispezione da parte degli ispettori. Polemica...

Elezioni, affluenza alle 12: 12,34%. Alta per le regionali

L'affluenza alle ore 12 per quanto riguarda il referendum è al 12,34%, un valore abbastanza alto, trainato dalle regioni dove di vota,...

Altri articoli