Hong Kong, vittoria della piazza: il Parlamento rinvia esame della legge sulle estradizioni

hong kong manifestazioni legge estradizione

Dopo molti cortei nei giorni scorsi, i manifestanti hanno ottenuto il rinvio dell’esame della legge sull’estradizione, con le proteste che si sono spostate fuori dal Parlamento. A darne l’annuncio il segretario del consiglio legislativo, che ha rilasciato una nota per motivare il rinvio con le contestazioni in atto.

L’esame della legge è stato spostato “a data da destinarsi”, presumibilmente si attende che le proteste calino, visto che ci sono ancora migliaia di persone in piazza, che bloccano l’accesso agli uffici di governo. I manifestanti hanno dichiarato che questa legge limiterebbe le libertà civili.

La manifestazione è la più partecipata da quando l’ex colonia britannica è tornata sotto il controllo cinese nel 1997. Secondo gli organizzatori sono scese in piazza più di un milione di persone, che chiedono di rinunciare alla legge di estradizione verso la Cina. Ne è nata una discussione con il primo ministro Carrie Lam, che ha però respinto le richieste dei manifestanti.