Trovato metano su Marte: c’è vita sul pianeta rosso?

Il gas è stato rilevato dal rover Curiosity della Nasa

marte rilevato metano gas vita

Il rover Curiosity della Nasa ha rilevato su Marte la più grande quantità di metano da quando sono state inviate delle spedizioni sul Pianeta rosso. La quantità sarebbe doppia a quella rilevata 14 anni fa, che potrebbe indicare la presenza di creature viventi.

Difatti il gas metano sulla terra è prodotto dalla decompsizione delle creature vivente, tramite processi biologici e per questo la presenza di questo gas su Marte porta a pensare che ci sia della vita. Più probabile sia causato da reazioni tra l’acqua e le rocce nel sottosuolo. Il rover Curiosity non ha strumenti per capire la provenienza del gas.

L’annuncio è stato dato direttamente dalla Nasa, dopo che i primi risultati si erano diffusi ufficiosamente nei giorni scorsi, spiegando che il metano è stato rilevato dallo spettometro Sam (Sample Analysis ar Mars). Il valore rilevato è stato confrontato con quello della sonda Mars Express dell’Agenzia Spaziale Europea, del 2005.

Gli esperti sono cauti, però, visto che non è stato chiarito se il processo di produzione del gas è di origine biologica o geologica. La prossima spedizione su Marte è quella dell’Agenzia Spaziale Europea, in collaborazione con quella russa, che farà partire “ExoMars 2020”, la quale potrà scavare fino a 2 metri e capire la provenienza del metano.