Terrorismo, arrestato italo-marocchino combattente dell’Isis

Un italo-marocchino è stato fermato in Siria e consegnato alla Procura di Brescia

ACQUISTI

Un foreign fighter italo-marocchino è stato arrestato oggi dalla polizia in Siria, per i suoi collegamenti con milizie di Al Qaeda e dell’Isis, nell’ambito di un’indagine della Procura di Brescia, iniziata quattro anni fa. Il ragazzo ha 25 anni e nei suoi confronti pendeva un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, per terrorismo.

L’italo-marocchino è Samir Bougana, partito dalla Germania nel 2013 ed era arrivato in Siria per combattere come foreign fighter. Proprio in territorio tedesco si era radicalizzato ed era entrato in contatto con gli integralisti islamici.

Le indagini sono state iniziate dagli agenti di Berlino, sulla moglie di Bougana, una donna turca trasferitasi anche lei in Siria. La coppia ha avuto tre figli nel periodo in cui erano in Siria. Dopo la segnalazione della polizia tedesca ha cominciato ad indagare la Digos di Mantova ed in seguito quella di Brescia, che ha dato l’ordine che oggi ha portato all’arresto.

L’operazione è stata portata avanti in collaborazione con l’Fbi e della Farnesina. Gli agenti americani erano in contatto con le forze curde che avevano preso in custodia l’italo-marocchino.

spot_img

SEZIONI

spot_img
spot_img

Ultime notizie

Coronavirus, Bollettino Protezione Civile 16 maggio: oltre 5 mila casi. Calano i morti

I dati di oggi 16 maggio sul coronavirus in Italia sono stati forniti dalla Protezione Civile via web. Nei...
spot_img