Libia, Serraj libera 350 migranti dal centro di detenzione Tajoura

Il presidente Serraj ha liberato 350 migranti che erano rimasti nel centro di detenzione di Tajoura

Serraj libera 350 migranti centro detenzione

Il presidente del Governo di Accordo Nazionale in Libia, Fayez al-Serraj, ha liberato 350 migranti che erano rimasti nel centro di detenzione di Tajoura, bombardato settimana scorsa con 53 vittime. Haftar aveva rivendicato il raid aereo, sostenendo che era una base militare e di addestramento.

L’ONU con l’agenzia per i migranti UNHCR ha risposto con soddisfazione alla decisione di Serraj, dichiarando che avrebbe messo in sicurezza le 350 persone in uscita dal centro di detenzione di Tajoura.

Serraj nei giorni scorsi aveva minacciato di liberare 8mila detenuti in tutta la Libia, dopo l’attacco di Haftar. Decisione che per ora sembra essere rinviata, in attesa di una presa di posizione europea sulla Libia, che potrebbe avvenire dopo la nomina della nuova commissione, con la favorita Ursula von der Leyen molto preparata dal punto di vista militare, arrivando dal ministero della difesa tedesco.