Usa, idea di una coalizione per proteggere le petroliere

Gli USA vorrebbero formare una coalizione di protezione navale per le petroliere

Usa coalizione petroliere iran
A picture obtained by AFP from Iranian news agency Tasnim on June 13, 2019 reportedly shows an Iranian navy boat trying to control fire from Norwegian owned Front Altair tanker said to have been attacked in the waters of the Gulf of Oman. - Suspected attacks left two tankers in flames in the waters of the Gulf of Oman today, sending world oil prices soaring as Iran helped rescue stricken crew members. The mystery incident, the second involving shipping in the strategic sea lane in only a few weeks, came amid spiralling tensions between Tehran and Washington, which has pointed the finger at Iran over earlier tanker attacks in May. Subject : IRAN OIL TANKER 5 (Photo by - / TASNIM NEWS / AFP)

Gli Stati Uniti stanno pensando di formare una coalizione di venti stati che possa proteggere le petroliere che passano sullo Stretto di Hormuz, dopo gli attacchi delle scorse settimane, che hanno portato al bombardamento di due petroliere nel Golfo dell’Oman.

I rapporti con l’Iran sono critici, con Teheran che ha comunicato di non rispettare più gli accordi sull’arricchimento dell’uranio, oltre ad essere stata accusata dagli Stati Uniti dell’attacco alle petroliere nel Golfo dell’Oman.

Secondo il piano gli Usa metterebbero a disposizione le navi militari per il controllo delle attività, mentre gli altri stati solamente quelle per il pattugliamento.

Nel tratto di mare che si sta prendendo in considerazione passerebbero ogni giorno circa 4 milioni di barili di petrolio. È chiaro il motivo per il quale gli Stati Uniti vogliono evitare altri episodi simili.

Il segretario di Stato, Mike Pompeo, ha dichiarato che nei 20 paesi potrebbero rientrare anche gli Emirati Arabi e l’Arabia Saudita.