Caso Emanuela Orlandi, oggi si aprono le due tombe in Vaticano

Emanuela Orlandi è scomparsa 36 anni fa in circostanze sconosciute

emanuela orlandi apertura tombe

Oggi è prevista l’apertura delle tombe nel Cimitero Teutonico interno del Vaticano, come annunciato nei giorni scorsi, nella speranza di trovare i resti di Emanuela Orlandi, scomparsa 36 anni fa. Per le risposte bisognerà attendere gli esami del Dna disposti sui resti delle due tombe.

“Forse hanno capito che bisogna fare qualcosa in più, chiarire quello che sanno. Lo considero una svolta”, ha dichiarato Pietro Orlandi, arrivato in Vaticano alle ore 7.30 accompagnato dal suo avvocato.

Emanuela Orlandi era la figlia di un commesso che lavorava in Vaticano, scomparsa il 22 giugno 1983 a 15 anni. Da quel momento è iniziato uno dei casi più oscuri tra il Vaticano e l’Italia. Le tombe disposte in apertura oggi appartengono a due principesse, in seguito alle segnalazioni della famiglia Orlandi. Il Vaticano aveva così disposto l’apertura delle due tombe per chiarire la vicenda e verificare i resti.