Sondaggi elettorali, il voto a seconda della pratica religiosa

La Lega va meglio con i cattolici non praticanti, come anche il Movimento 5 Stelle

sondaggi elettorali fede religiosa salvini rosario

Come votano gli italiani e come il voto è legato al contesto religioso? Un sondaggio elettorale degli ultimi giorni mostra come le percentuali dei partiti variano se l’elettore è un cattolico, un ateo od un non praticante.

Lega ancora saldamente in testa al 38%

Se si votasse oggi, la Lega sarebbe vicina alla maggioranza assoluta, dopo la crescita post-europee, che l’ha portata, secondo molti istituti, vicino alla cifra del 38%. Stabili gli altri partiti, con il Partito Democratico intorno al 23% delle elezioni europee ed il Movimento 5 Stelle tra il 17 ed il 18 per cento. La maggioranza di governo ha comunque aumentato i consensi dalle elezioni europee, ma sfruttando il momento positivo della Lega.

Nei partiti minori Fratelli d’Italia sta insidiando Forza Italia per la seconda posizione della coalizione di centrodestra, attualmente al 7%, mentre Forza Italia sarebbe al 6,3%, ma dipende anche dall’istituto di ricerca.

I cattolici non praticanti votano Lega

Questo è il dato più sorprendente che emerge dal sondaggio sulla fede religiosa degli elettori. Si è differenziato tra cattolici praticanti e non praticanti, oltre ad atei/agnostici. Per quanto riguarda i cattolici non praticanti, la Lega è al 44%, mentre ha il 38% dei praticanti ed il 33% di chi non crede.

Il PD va meglio con gli atei/agnostici, al 28%, mentre per i cattolici praticanti e non è su una percentuale simile intorno al 20%. Anche il Movimento 5 Stelle, come la Lega, va meglio con i cattolici non praticanti, mentre soffre di più con gli atei/agnostici.

Forza Italia è la più polarizzata dei partiti: ha l’8,2% di cattolici praticanti, mentre solo il 2,5% di atei/agnostici. Simile Fratelli d’Italia, che va meglio con i cattolici praticanti.

sondaggi elettorali voto per fede religiosa