Bari, immigrati occupano la basilica di San Nicola: “Basta sfruttamento”

A Bari gli immigrati occupano la basiica di San Nicola contro lo sfruttamento

migranti bari occupano basilica san nicola

Un’azione a sorpresa di alcuni immigrati, che guidati dal sindacalista USB, Aboubakar Soumahoro, sono entrati nella basilica di San Nicola e l’hanno occupata, contro lo sfruttamento subito nei campi, per pochi euro l’ora.

I migranti che hanno occupato la basilica fanno parte delle zone di Foggia e Borgo Mezzanone, in maniera simbolica per protestare contro lo sfruttamento dei braccianti, che nel sud Italia vengono da anni presi a lavorare in nero con paghe orarie illegali.

“In Italia ci sono ancora le leggi sul lavoro?”, questo si legge sui cartelli dei migranti nella basilica. Il fenomeno è complesso ed è andato con l’aumentare dopo gli arrivi degli ultimi anni, senza controlli e regolamentazione i gestori dei campi spesso non regolarizzano i loro braccianti.

“Sono costretti a vivere con una paga da fame in condizioni disumane”, ha denunciato il sindacalista Soumahoro con un post su Facebook. L’azione simbolica, ha spiegato il sindacalista USB, vuole far arrivare la vicenda alle istituzioni, che per il momento non hanno risolto la vicenda.