Scuola, 40mila in pensione non verranno sostituiti. 170mila supplenti per settembre

Dal prossimo anno 42mila persone andranno in pensione

scuola pensioni stabilizzazioni precari

Un grande numero di docenti andrà in pensione quest’anno, 40mila secondo le ultime stime, ma non verranno sostituiti da nuove assunzioni. I posti vacanti saranno assegnati ad una parte dei 170mila supplenti, che sono in attesa di effettuare le sostituzioni.

Nel settore dell’istruzione sono circa 22mila i docenti che hanno fatto domanda per Quota 100 e che andranno in pensione. A loro si aggiungono i docenti che rientravano anche nella riforma Fornero, facendo arrivare a 40mila persone che mancheranno nel nuovo anno scolastico.

Le stime del governo prevedono 42mila pensioni entro il 31 agosto, ma nessun precario prenderà il loro posto. Si attuerà una sostituzione con supplenti, dopo il taglio della stabilizzazione al 50 per cento, che negli anni passati veniva attuata.

Lo stesso ministro dell’Istruzione, Marco Bussetti, ha confermato che alcuni tagli sono stati necessari per “fare spazio” a Quota 100 e Reddito di cittadinanza. Le opposizioni, con il PD, chiedono perché non si sia messo un solo euro sulla stabilizzazione dei precari. In totale una stima fa notare come a settembre il numero di precari sarà di 170mila.