Ursula von der Leyen: “Nemica di chi vuole indebolire l’Unione”. Stasera il voto di nomina

Ursula von der Leyen chiederà questa sera il voto del Parlamento europeo

Da leggere

Salvini contro la Nutella: “Nocciole non sono italiane”

Il leader della Lega si è scagliato contro la Ferrero, che produce la Nutella, per la questione...

Bibbiano, Di Maio: “Scuse? Il processo non è finito”

Il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, è intervenuto sulla questione del caso di Bibbiano, dopo la...

Francia, scontri durante la giornata di sciopero dei dipendenti pubblici

Tensione nel centro della Francia nella giornata in cui i trasporti sono stati bloccati da uno sciopero...
Redazione
Piero Mangoni - Direttore responsabile - Via Gramigna 3, 44122 – Ferrara – tel. 393 22 80 455

Oggi è il giorno della votazione nel Parlamento europeo per confermare la nomina di Ursula von der Leyen (ecco chi è) come presidente della Commissione Ue. L’ex ministra della Difesa tedesca ha tenuto un discorso al Parlamento europeo per chiarire gli ultimi dubbi dei deputati, soprattutto alcuni socialisti.

Salario minimo, gestione dell’immigrazione irregolare, salvataggio delle vite in mare e piano ambientale per ridurre le emissioni ed eliminare l’utilizzo del carbone in Europa. Questi i temi principali toccati dal discorso della von der Leyen, finalizzato a convincere gli ultimi socialdemocratici ancora in dubbio.

“Un accordo verde entro i primi cento giorni del mio mandato”, ha promesso la candidata alla presidenza della Commissione europea.

Il voto si terrà questa sera alle 18 ora italiana, sarà uno dei più in bilico della storia dell’Europa, soprattutto per le tre parti che hanno garantito il supporto, popolari, liberari e socialdemocratici, con quest’ultimi che hanno alcune divisioni al loro interno.

Sugli investimenti per la riduzione delle emissioni, la von der Leyen ha chiarito che l’obiettivo è rafforzare l’economia, per poter poi spendere. Non è entrata nel dettaglio sugli obiettivi economici da ottenere.

Possibile una proroga alla Brexit

Sull’uscita del Regno Unito ha dichiarato che sarà disponibile a valutare un rinvio della scadenza attuale, al 31 ottobre, se fosse necessario. “Farò del tutto per rendere l’Europa più forte, chi la vuole far fiorire mi avrà dalla sua parte, ma chi la vuole indebolire avrà in me una dura nemica”.

Loading...

SEGUICI SUI SOCIAL

1,685FansLike
1,698FollowersFollow
303FollowersFollow

Ultime notizie

Salvini contro la Nutella: “Nocciole non sono italiane”

Il leader della Lega si è scagliato contro la Ferrero, che produce la Nutella, per la questione...

Bibbiano, Di Maio: “Scuse? Il processo non è finito”

Il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, è intervenuto sulla questione del caso di Bibbiano, dopo la scarcerazione del sindaco di Bibbiano,...

Francia, scontri durante la giornata di sciopero dei dipendenti pubblici

Tensione nel centro della Francia nella giornata in cui i trasporti sono stati bloccati da uno sciopero nazionale, a cui hanno aderito...

Roma, appalti pilotati: arresti di imprenditori

Una serie di arresti per corruzione a Roma, con alcuni appalti che sono stati pilotati, con accuse di truffa ai danni dello...

Usa, spari alla base di Pearl Harbour: due morti

Nella base navale di Pearl Harbour c'è stata una sparatoria che ha portato a due morti, con un militare della Marina americana...

Altri articoli