Domani il voto del Senato sul calendario. Pd-Leu: “Forzatura assurda”

Domani l'Aula voterà sul calendario per la sfiducia al premier

convocazione senato calendarizzazione

Oggi si è tenuta la conferenza dei capigruppo per calendarizzare il voto di sfiducia al premier Conte al Senato, ma non è stato trovato l’accordo all’unanimità, dunque si voterà domani il calendario in Aula. Alcune ipotesi vedrebbero Conte in Aula il 20 per riferire.

Domani alle 18 è stata convocata l’Aula, con il premier Giuseppe Conte che dovrebbe intervenire il 20 agosto, ma servirà la conferma di domani del Senato.

Il calendario sarà deciso in Aula

In questo scenario un asse M5S-PD potrebbe posticipare a dopo il 19 agosto la convocazione dell’Assemblea, visto che hanno la maggioranza in Aula. M5S e PD possono contare su 159 senatori, mentre tutto il centrodestra su 136, aggiungendo gruppo misto e Leu si arriva a 168. In questo modo avrebbero la possibilità di fissare la data di convocazione dell’Aula, che al momento è al 10 settembre.

Se non si dovesse raggiungere il numero legale, che sulla carta è 161, la seduta potrebbe essere convocata ogni 20 minuti fino a 4 volte a giorno.