Governo ultimissime, seconda giornata di consultazioni. Di Maio conferma l’accordo col PD

Conte oggi potrebbe ricevere il mandato

Da leggere

Coronavirus, Bollettino Protezione Civile 7 aprile: oltre 17mila morti, 135mila contagiati

Il capo della Protezione Civile, Angelo Borrelli, ha aggiornato alle ore 18.00 i nuovi dati sul contagio...

Primarie Usa, seggi aperti per il voto in Wisconsin

Seggi aperti nonostante il coronavirus negli Stati Uniti in Wisconsin, dove oggi si terranno le votazioni per...

Coronavirus, Downing Street: “Boris Johnson non ha la polmonite”

Da Downing Street sono stati pubblicati degli aggiornamenti sulla situazione medica del primo ministro, Boris Johnson, in...
Redazione
Piero Mangoni - Direttore responsabile - Via Gramigna 3, 44122 – Ferrara – tel. 393 22 80 455

SEGUICI SUI SOCIAL

1,904FansLike
2,309FollowersFollow
365FollowersFollow

Il governo sembra sempre più vicino, dopo la caduta del veto su Conte nella giornata di ieri, con anche l’endorsement di Donald Trump. Oggi è il giorno dei partiti con più seggi in Parlamento, iniziando con Fratelli d’Italia, mentre nel pomeriggio ci saranno Forza Italia, Lega, PD e M5S.

Secondo le anticipazioni il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, dopo aver ascoltato i partiti affiderà il mandato a Giuseppe Conte. Ci sarà da valutare il ruolo del vicepremier, che potrebbe essere deciso successivamente, come quello dei ministri, dando maggiore tempo ai partiti per confrontarsi.

Nella giornata di oggi il vicesegretario del PD, Andrea Orlando, ha dichiarato che con un premier del M5S il ruolo di vice deve andare ai democratici. La situazione sembra essersi risolta dopo lo stallo di ieri che aveva compromesso la trattativa.

Qui il resoconto della giornata di ieri di consultazioni.


20.10 – Conte convocato domani mattina al Quirinale

Il premier in carica, Giuseppe Conte, è stato convocato al Quirinale domani mattina alle 9.30.

19.00 – Di Maio: “La Lega mi ha proposto il ruolo di premier”

“In politica ci sono quelli che la fanno e quelli che se ne approfittano. Abbiamo sempre sostenuto che destra e sinistra siano ampiamente superati, sono i programmi e le scelte i protagonisti della politica. Questo spirito ci ha portato al governo del paese, con programmi che mettessero al centro la persone”, ha spiegato Di Maio.

“Conte è un uomo di grande coraggio che ha servito il paese, abbiamo detto al presidente della Repubblica che c’è un accordo con il Partito Democratico sul nome di Giuseppe Conte. Il nostro programma è sempre lo stesso, quello votato da 11 milioni di italiani”, così il leader del M5S ha annunciato la proposta del premier Conte.

“La Lega mi ha proposto la presidenza del Consiglio, li ringrazio, con sincerità, ma dico che a me interessa il meglio per il paese, non quello per me stesso”, ha concluso Di Maio.

18.45 – Arrivata la delegazione del M5S al Quirinale

È arrivata la delegazione guidata da Luigi Di Maio del M5S al Quirinale.

18.20 – Salvini: “Sconcerto per il nuovo governo”

“Abbiamo espresso lo sconcerto, non della Lega, ma degli italiani, alla situazione che si sta preconfigurando. Il presidente del Consiglio lo hanno trovato su indicazione di Parigi, Berlino e Bruxelles. Forse stava dando fastidio un governo che avrebbe fatto una manovra economica coraggiosa, che avrebbe fatto la flat tax”, ha detto Salvini attaccando anche la nuova Commissione europea che si sta insediando.

“Il PD chiede discontinuità con lo stesso premier, che nello stesso mese ha fatto un Consiglio dei Ministri con Ministri diversi”, questa la posizione di Salvini, che poi ha elencato le sconfitte elettorali locali del PD.

“Dignità vorrebbe che ci fossero elezioni, la sovranità appartiene al popolo. L’unico collante tra PD e M5S è l’odio nei confronti della Lega, che ha avuto il coraggio di rimettere i suoi ministeri nelle mani degli italiani”, così Salvini ha spiegato il suo punto di vista sul nuovo governo.

“Si voterà in nove Regioni italiane nei prossimi mesi, almeno queste elezioni non si possono togliere. C’è incredulità davanti a quella che non è una maggioranza. Litigano anche al loro interno, questo lo abbiamo comunicato al Presidente Mattarella”, ha concluso Salvini ribadendo la richiesta di elezioni.

17.50 – Matteo Salvini e la delegazione della Lega arrivati al Quirinale

La delegazione della Lega è arrivata al Quirinale, dove alle 18 incontrerà il presidente Mattarella. Salvini avrebbe incontrato Berlusconi nel piazzale del Quirinale, i due si sarebbero scambiati una stretta di mano.

17.30 – Berlusconi: “Abbiamo chiesto il ritorno al voto”

“Secondo noi il governo tra PD e M5s è una soluzione politicamente sbagliata, inadeguata a risolvere i problemi dell’esecutivo dimissionario. Abbiamo bisogno di un taglio delle tasse, di un taglio del cuneo fiscale, della tutela della famiglia, di una giustizia garantista”, queste le parole di Silvio Berlusconi all’uscita dell’incontro con Mattarella.

“Forza Italia fa orgogliosamente parte della famiglia del Partito Popolare Europeo, solo noi in Italia siamo gli eredi coerenti delle tradizioni politiche che hanno fatto grande questo paese”, ha aggiunto Berlusconi schierando il suo partito all’opposizione.

“Il nostro orizzonte rimane il centrodestra, di cui dovremo essere il pilastro insostituibile”, così Berlusconi ha voluto lanciare un segnale a Salvini, in ottica futura.

16.45 – Arrivata la delegazione di Forza Italia al Quirinale

Arrivata al Quirinale la delegazione di Forza Italia, attesa per le ore 17 da Mattarella. Berlusconi ha già smentito un suo possibile inserimento nel governo, finendo all’opposizione insieme alle altre due anime di centrodestra.

16.40 – Smentita la telefonata tra Conte e Zingaretti

È stata smentita la telefonata tra Conte e Zingaretti uscita nelle scorse ore. Non ci sarebbe stato nessun contatto dei due secondo fonti dem.

16.20 – Zingaretti: “Abbiamo indicato il nome di Conte a Mattarella”

“Abbiamo riferito di aver accettato la proposta del M5S, che ha la maggioranza relativa in Parlamento, di indicare il nome del presidente del Consiglio dei Ministri. Abbiamo confermato a Mattarella, in linea con quanto detto nel primo incontro, dell’impegno a costruire un governo di svolta per il Paese. Nei giorni scorsi abbiamo delineato alcuni punti da seguire, non c’è alcuna staffetta, c’è semmai una nuova sfida da iniziare. Un nuovo Governo che convinca gli italiani che le difficoltà economiche e sociali ci sono, ma che possono essere superate”, queste le parole di Zingaretti al termine degli incontri.

15.50 – Arrivata la delegazione del PD al Quirinale

La delegazione del PD è arrivata al Colle per le consultazioni, con Nicola Zingaretti, il presidente Gentiloni, i capigruppo ed i vicesegretari. Un passaggio chiave per la creazione del nuovo governo PD-M5S.

15.40 – Salvini: “Chiederò a Mattarella spiegazioni sulla maggioranza”

Il leader della Lega, Matteo Salvini, ha anticipato cosa chiederà al presidente Mattarella, durante gli incontri delle consultazioni, previste per il partito leghista alla ore 18. “Chiederò a Mattarella, che chiedeva una maggioranza solida, se questo nuovo esecutivo nato solo per non far votare gli italiani, possa avere un senso”, queste le parole di Salvini sui social.

15.30 – I due capigruppo hanno lasciato il Nazareno per recarsi al Colle

I due capigruppo alle Camere, Andrea Marcucci e Graziano Delrio, hanno lasciato a piedi il Nazareno per recarsi al Quirinale per l’incontro con Mattarella, previsto per le ore 16.

15.00 – Bugani (M5S) a Palazzo Chigi per definire il “perimetro” di Rousseau

Uno dei responsabili della piattaforma Rousseau, Max Bugani, è entrato a Palazzo Chigi, insieme alla altra delegazione di gestione di Rousseau. “Gli iscritti si esprimeranno, Rousseau è titolare della prima e ultima parola”, queste le parole di Max Bugani, che fa parte della “fazione” pro-voto, con Alessandro Di Battista a Gianluigi Paragone.

Si definirà il perimetro di Rousseau, da spiegare al capo dello Stato in sede di consultazioni.

14.45 – Orlando (PD): “Tutte le forze di centrosinistra daranno un contributo”

“Calenda ha deciso di andarsene e non possiamo che esprimere rammarico per questo. Sono convinto che Calenda può dare un contributo importante per la formazione di un centrosinistra”, queste le parole del vicesegretario sulle dimissioni di Calenda.

14.40 – Marcucci (PD): “Lavoriamo ad un documento condiviso”

Come riferito dal capogruppo al Senato, Andrea Marcucci, il PD sta lavorando ad un documento condiviso tra tutte le forze politiche che faranno parte del governo, compresa la parte di Leu, in maniera da poterlo presentare al presidente della Repubblica.

14.35 – Un sondaggio del Corriere della Sera evidenzia il crollo di gradimento per Salvini

Secondo i sondaggi elettorali di oggi realizzati dal Corriere della Sera, il gradimento di Salvini sarebbe calato dal 52% al 36% in un mese, da quando è stata aperta la crisi.

14.15 – Renzi: “La politica è sentimenti, non risentimenti”

A poche ore dal probabile accordo tra PD e M5S è tornato a parlare Matteo Renzi, aprendo la strada al nuovo governo.

Quando si forma un Governo è normale che si affaccino ambizioni, richieste, desideri. Ma questo Governo nasce sulla base…

Pubblicato da Matteo Renzi su Mercoledì 28 agosto 2019

14.10 – Lo spread raggiunge i minimi da maggio 2018

Con l’annuncio positivo del nome di Conte per la formazione del nuovo governo, lo spread di oggi 28 agosto è arrivato a 170 punti base, come non accadeva da maggio 2018. Siamo vicini ai livelli del 2016, quando con Renzi e poi Gentiloni si viaggiava su una media di 150 punti base.

13.55 – D’Uva (M5S): “Conte è d’accordo sul voto su Rousseau”

Il capogruppo alla Camera per il M5S, Francesco D’Uva, ha dichiarato che il premier Conte è d’accordo sulla votazione dell’accordo con il PD sulla piattaforma Rousseau.

13.45 – Calenda lascia il PD

L’ex ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda, ha lasciato il PD, annunciando la formazione di un suo nuovo partito. Lo aveva annunciato nei giorni scorsi, quando si era iniziato a parlare dell’accordo.

12.00 – Zingaretti: “Sono ottimista, non sarà un Conte bis”

Il segretario del PD, Nicola Zingaretti, ha rilasciato delle dichiarazioni alla stampa, dichiarandosi ottimista sul nuovo governo e spiegando che non sarà un rimpasto ma un nuovo esecutivo. Nomi nomi nei ministri e nei temi dei programmi. Altro elemento che aveva suscitato perplessità nel PD è stata la decisione del M5S di votare su Rousseau dopo che il presidente della Repubblica avrà incaricato il premier.

11.30 – Orlando (PD): “Non mettiamo veti ma vicepremier sia Dem”

Il vicesegretario del PD, Andrea Orlando, ha ribadito l’intenzione del PD di chiedere il vicepremier al M5S, considerando la posizione di Conte. Al momento il nodo non è ancora sciolto, perché con un premier chiara espressione del M5S, secondo il PD, il vicepremier deve essere unico, mentre da fonti grilline si vorrebbero due vicepremier, appartenenti alle due forze politiche.

11.20 – Approvata la Relazione di Zingaretti in Direzione PD

Un ulteriore passaggio per la formazione del nuovo governo PD-M5S è stato compiuto, con l’approvazione della Relazione di Zingaretti, dandogli il mandato per portare a termine il governo con il M5S. Ha votato contrario solamente il senatore Matteo Richetti.

11.15 – Meloni (FDI): “Osceno baratto di poltrone”

La leader di Fratelli d’Italia ha spiegato che il suo partito chiede elezioni anticipate, per rispettare l’articolo 1 della Costituzione. “Stanno cercando di non far andare al governo chi ha il consenso del popolo”, ha dichiarato Giorgia Meloni, invocando la piazza nel giorno della fiducia al nuovo governo.

Si preconfigura, dunque, una manifestazione “contraria” al governo che verrà organizzata nel giorno in cui si insedierà il governo.

SEGUICI SUI SOCIAL

1,904FansLike
2,309FollowersFollow
365FollowersFollow

Ultime notizie

Coronavirus, Bollettino Protezione Civile 7 aprile: oltre 17mila morti, 135mila contagiati

Il capo della Protezione Civile, Angelo Borrelli, ha aggiornato alle ore 18.00 i nuovi dati sul contagio...

Primarie Usa, seggi aperti per il voto in Wisconsin

Seggi aperti nonostante il coronavirus negli Stati Uniti in Wisconsin, dove oggi si terranno le votazioni per decidere a chi andranno i...

Coronavirus, Downing Street: “Boris Johnson non ha la polmonite”

Da Downing Street sono stati pubblicati degli aggiornamenti sulla situazione medica del primo ministro, Boris Johnson, in terapia intensiva a causa del...

Coronavirus, Bertolaso dimesso dal San Raffaele

il commissario straordinario della Lombardia, Guido Bertolaso, è stato dimesso dal San Raffaele. Lo scorso 24 marzo era risultato positivo al coronavirus...

Coronavirus, sconto sugli affitti per gli inquilini: tutti i dettagli

Con i decreti varati dal Governo rimane il dubbio sugli incentivi ed i diritti che possono avere gli inquilini di una casa...
realizzazione siti web economici wolfseo

Altri articoli