Pensioni Quota 100 ultime notizie: il restyling porterebbe 12 miliardi in due anni

Quota 100 potrebbe essere modificata per risparmiare fino a 12 miliardi di euro

pensioni quota 100 ultime notizie taglio modifiche

Si fanno sempre più intense le voci di una modifica di Quota 100 da parte del Governo PD-M5S, se non addirittura di una cancellazione dal prossimo anno, ipotesi che però ha perso l’appoggio di alcuni esponenti chiave nelle ultime ore. Gli interventi di Renzi e Padoan hanno fatto capire come si stia già lavorando ad una rimodulazione della riforma pensioni Quota 100, cercando di mantenere la pensione anticipata per chi svolge lavori usuranti.

Secondo alcuni calcoli effettuati dal Sole 24 Ore, modificare Quota 100 potrebbe portare allo Stato risparmi per 12 miliardi in due anni, che sono quelli rimanenti, nel 2020 e 2021, essendo la misura triennale e non strutturale. Nei giorni scorsi era stato stimato che Quota 100 avrebbe pesato sulle casse dello Stato per 45 miliardi fino al 2028, una cifra notevole, se si pensa che quest’anno vanno trovati 23 miliardi per evitare l’aumento dell’Iva.

Proposta di modifica di pensione a 64 anni

Una delle possibili modifiche di Quota 100, che ora consente di andare in pensione a 62 anni di età e 38 di contributi, sarebbe quella di alzare l’età pensionabile a 64 anni, riducendo così il bacino delle persone che potrebbero accedervi.

Cosa farà il governo M5S-PD?

La prossima manovra di bilancio sarà una delle più attese degli ultimi anni, il prossimo ministro dell’Economia dovrà trovare circa 30 miliardi, potendo però contare su una flessibilità europea, che la nuova Commissione potrebbe concedere, pari a circa 15 miliardi. A quel punto una delle scelte potrebbe essere se innalzare in parte l’Iva, oppure andare a modificare Quota 100, che porterebbe circa la cifra desiderata. Nella manovra come annunciato ci dovrebbe essere anche il taglio al cuneo fiscale, dal costo di 4-5 miliardi di euro.

A sostegno della modifica di Quota 100 c’è l’economista Marco Leonardi, ex consigliere economico di Palazzo Chigi con il Governo Gentiloni: “Di fronte alla scelta su Iva o Quota 100, io non avrei dubbi a modificare questa seconda opzione”.