Migranti, la nave Alan Kurdi non autorizzata ad entrare in acque italiane

La Alan Kurdi ha ricevuto la notifica del divieto di ingresso in acque italiane

ACQUISTI

La nave Alan Kurdi, dell’Ong tedesca Sea Eye, non è autorizzata ad entrare in acque italiane, dopo che ha visto rifiutata la sua richiesta di “porto sicuro” da Italia, Francia, Spagna e Portogallo. Secondo quanto riferito dall’Ong, l’Italia è stata la prima a rispondere, negando l’accesso alle acque italiane.

La nave aveva soccorso 13 persone nella zona Sar di Malta il 31 agosto ed è rimasto al largo delle acque maltesi per dieci giorni, con il solo sbarco di 5 persone per le gravi condizioni fisiche: “Il messaggio per chi rimane a bordo è chiaro: scende solo chi è malato o tenta il suicidio”, questa la nota dell’Ong tedesca Sea Eye. Il divieto di ingresso è quello che era stato già votato e firmato dal primo Governo Conte nei giorni scorsi.

La Ocean Viking soccorre 34 persone

Come riferito Medici Senza Frontiere (Msf) 34 migranti sono stati trasbordati dalla barca a vela Josefa per le condizioni meteo, peggiorate nelle ultime ore. È possibile che la nave nelle prossime ore faccia rotta verso Lampedusa, con il Governo Conte che si troverà alla prova degli sbarchi, con l’ex ministro degli Interni, Matteo Salvini, pronto a fare opposizione su questo punto.

spot_img

SEZIONI

spot_img
spot_img

Ultime notizie

Black Friday, super sconto per abbonamento 12 mesi del PlayStation Plus

In super sconto l'abbonamento del PlayStation Plus per la settimana del Black Friday, con un prezzo fissato a 39,99...
spot_img