Rapporti viadotti truccati, sospesi sei dipendenti di Autostrade e Spea

Sono stati sospesi i dipendenti coinvolti nell'inchiesta sui rapporti manomessi sui viadotti

rapporti viadotti autostrade dipendenti sospesi

Arrivano i primi provvedimenti a seguito degli arresti ed indagini a carico di nove persone che operavano con Autostrade, per la manutenzione e l’analisi delle condizioni dei viadotti. Da quanto emerso, dopo il crollo del Ponte Morandi, alcuni rapporti sarebbero stati “ammorbiditi” e resi più positivi di quanto erano in realtà.

Il Consiglio di amministrazione della società Spea Engineering, che gestisce la manutenzione per conto di Autostrade, ha deciso di sospendere i quattro suoi dipendenti coinvolti nella manomissione dei rapporti. “Il Cda si è reso disponibile a rimettere il mandato nelle mani del Presidente, per garantire una tutela più efficace della società”, queste le parole della società, pubblicate tramite una nota ufficiale. Convocato un nuovo Cda il 17 settembre.

Titolo in Borsa a picco per Atlantia

Il titolo della società che gestisce Autostrade, Atlantia, ha subito un crollo negli ultimi giorni, conseguentemente all’uscita dell’inchiesta e degli arresti. Non solo per l’operato di dubbia integrità dei suoi dipendenti, ma soprattutto per il rischio, oggi più concreto che mai, di una possibile revoca della concessione autostradale.

Nelle scorse settimane il PD aveva posto la questione della “revisione” della concessione, togliendo di fatto la revoca dal tavolo. Ma con gli ultimi aggiornamenti giudiziari ora anche il PD potrebbe avere problemi ad evitare la procedura per revoca della concessione, visto che l’immagine mediatica della società dei Benetton è molto peggiorata dopo quanto emerso con l’inchiesta sui viadotti.

Di Maio ieri aveva ribadito con forza la volontà del Movimento 5 Stelle di portare avanti la revoca della concessione, senza l’opposizione del PD, che ne è rimasto fuori, quasi approvando, questa volta, le parole del ministro degli Esteri.