Salvini a Pontida: “Referendum se cancellano dl Sicurezza. Di Maio disperato”

Il leader della Lega dal palco di Pontida ha lanciato la proposta di referendum contro la cancellazione del decreto Sicurezza

salvini pontida 2019 decreto sicurezza

Non ha lasciato spazi a dubbi Matteo Salvini, nel giorno del raduno annuale a Pontida, sui vari temi di politica che hanno tenuto banco negli ultimi giorni. Dai decreti Sicurezza alla possibile alleanza tra M5S e PD alle regionali. Da Pontida viene lanciata l’opera di opposizione al Governo Conte bis, con varie proposte che sono emerse.

Salvini ha dato appuntamento alla piazza per il 19 ottobre, quando si terrà la manifestazione “di orgoglio nazionale”, alla quale parteciperanno anche Fratelli d’Italia e Forza Italia, come confermato da Berlusconi dopo l’incontro di ieri.

“Rispetto per Mattarella”

Come prima cosa il leader della Lega ha voluto smorzare i toni sul Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, attaccato ieri dal raduno dei giovani leghisti, con insulti annessi. “Possono essere sbagliati i toni, bisogna portare rispetto. Alcune scelte sono state sbagliate, ma non uso l’insulto”, ha dichiarato Salvini.

Attacchi a M5S e PD

“Se Roma è messa così lo dobbiamo alla Raggi e Zingaretti”, ha detto Salvini, arrivando a Pontida. “Non cambierei la mia vita con un Conte od un Di Maio – ha affermato il leader leghista – Di Maio è disperato e supplica il PD per evitare la sparizione del M5S a livello regionale. I cittadini in Umbria potranno votare, chi ha preferito la poltrona alla dignità ha le ore contate”.

“Su Di Maio non cambio idea, lo considero un amico, anche se ha fatto delle scelte sbagliate”, questa la posizione di Salvini sul M5S, lasciando comunque una porta aperta per il futuro.

Referendum sui decreti sicurezza

Dopo la proposta di un referendum abrogativo del proporzionale arrivata ieri, oggi da Pontida il leader del Carroccio rilancia parlando della difesa dei confini: “L’Italia rischia di tornare un campo profughi. Le Ong hanno festeggiato. Se smonteranno il dl Sicurezza faremo un referendum, sull’immigrazione la vedo male nei prossimi mesi”.