Novità pensioni Quota 100, crollo delle domande ad agosto: risparmi per 4 miliardi

Calo nelle domande giornaliere per Quota 100, con il 90% in meno rispetto ai primi mesi

pensioni quota 100 calo domande miliardi

Gli ultimi dati dell’Inps sulle pensioni Quota 100 sono molto negativi sul numero delle domande, con un calo del 90% su base mensile. Il calo delle domande era stato già certificato a luglio, con i dati che parlavano di 150mila domande, ma soprattutto dal ministro dell’Economia, Giovanni Tria, che aveva tagliato il bacino di Quota 100 per il 2019, in maniera tale da evitare la procedura di infrazione. Le stime del governo, infatti, avevano già previsto un calo nelle domande di Quota 100, ma forse non così corposo.

Nel mese di agosto solo 300 domande al giorno

Come riportato dall’Inps, nel mese di agosto sono arrivate solamente 300 domande giornaliere di pensionamento, rispetto alle 4mila di media nei primi mesi. Rilevato, dunque, un crollo di oltre il 90% nelle domande al giorno.

C’è stata una grande richiesta iniziale, nei primi due mesi dell’anno, per poi andare a diminuire col passare del tempo, finendo sotto le mille richieste al mese che si hanno in questo momento. Appena approvato il decreto a gennaio si era partiti con oltre 4mila domande al giorno.

Risparmi fino a 4 miliardi per il 2020

Questo abbassamento delle richieste per Quota 100 potrebbe portare il Governo ad aggiornare le stime fatte da Tria a luglio, riducendo ulteriomente il bacino di cittadini che potranno fare richiesta, mettendo meno fondi sulla misura. Infatti in manovra di bilancio è previsto un meccanismo di stop automatico all’esaurire dei fondi: se si abbassa lo stanziamento, a fronte di un “boom” del prossimo anno, inatteso con questo scenario attuale, molti cittadini potrebbero restare fuori da Quota 100.