Sondaggi elettorali oggi 17 settembre: quanto vale il partito di Renzi?

Secondo alcuni sondaggi elettorali il partito di Renzi potrebbe avere un consenso dal 5% al 10%

sondaggi elettorali oggi partito renzi

Oggi è stata ufficializzata la scissione di Matteo Renzi dal PD, come era stato paventato nei giorni scorsi da Carlo Calenda e dalle interviste di Ivan Scalfarotto ed Ettore Rosato. Il suo valore in temini di consenso è ancora da verificare dai sondaggi elettorali, con pochi istituti che hanno valutato questo scenario nei mesi scorsi. Bisogna allora andare a prendere alcune intenzioni di voto che sono state sondate molti mesi fa, con il beneficio del dubbio di un possibile movimento dei consensi col passare del tempo.

Euromedia Research: Renzi tra il 7% e l’8%

Secondo i sondaggi elettorali effettuati da Alessandra Ghisleri per Euromedia Research nei mesi scorsi, un eventuale partito di Renzi avrebbe interessato circa l’8% dell’elettorato. Si parla di valutazioni ipotetiche, visto che nel momento in cui era stato effettuato il sondaggio non era effettivamente in lista elettorale il nuovo partito.

Youtrend più pessimista: tra il 3% ed il 5%

Secondo le ultime rilevazioni di Youtrend, specialmente sul gradimento dei politici, Lorenzo Pregliasco si è sbilanciato fornendo una stima parziale di un possibile nuovo partito guidato da Matteo Renzi. Basandosi sul consenso di Renzi come gradimento, intorno al 15-20% (Conte è al 55%), si è fatta una stima del 3-5% per il partito.

Sondaggio EMG – Dicembre 2018

Secondo uno dei sondaggi elettorali più “datati” sul partito di Renzi, realizzato a dicembre 2018 da EMG per Agorà RAI, il consenso al movimento di Renzi veniva dato al 12%, con una buona base del PD che si era detta pronta a votare il nuovo partito.

emg partito renzi

In totale quasi la metà degli elettori del PD avevano dato il proprio appoggio al nuovo soggetto politico che potrebbe prendere lo spazio al centro. Alto il numero di giudizi negativi, con “certamente no” al 55%, del quale circa il 20% del PD.

Come potrebbe influire il nome ed il simbolo

Nelle valutazioni sulle intenzioni di voto che si sono presentate, si è fatta una stima ipotetica sul consenso che potrebbe avere un “partito di Renzi“, che risulta una stima generica, visto che non era supportata dall’effettiva creazione della forza politica. Il “lancio” del nuovo partito, con la presentazione del nome e del simbolo, per il quale si potrebbe creare un minimo di attesa nell’elettorato, potrebbe influire sul risultato finale sui consensi.

Per questo i sondaggi elettorali realizzati finora sono da considerarsi generici finché non verrà stimato il “vero” partito, comprensivo di nome e simbolo. La presentazione ufficiale del movimento politico potrebbe avvenire alla prossima Leopolda, dal 18 al 20 ottobre, come ha sottolineato oggi Matteo Renzi in un suo post su Facebook, dando proprio appuntamento agli incontri di ottobre.

Ho deciso di lasciare il Pd e di costruire insieme ad altri una Casa nuova per fare politica in modo diverso. Dopo sette…

Pubblicato da Matteo Renzi su Lunedì 16 settembre 2019