Bibbiano, revocati gli arresti domiciliari al sindaco Andrea Carletti

Il sindaco di Bibbiano, sospeso dalle sue attività amministrative, ha ottenuto l'obbligo di dimora nel suo comune di residenza

sindaco bibbiano revoca domiciliari

Sono stati revocati gli arresti domiciliari al sindaco di Bibbiano, Andrea Carletti, con la “trasformazione” in obbligo di dimora nel Comune di Albinea, quello di residenza del sindaco. La decisione è stata presa dal Tribunale del Riesame di Bologna, dopo il ricorso del sindaco contro gli arresti domiciliari, oltre che ad essere sospeso dalle sue funzioni di primo cittadino per il suo coinvolgimento nell’inchiesta sugli affidi di Bibbiano, dove è indagato per abuso d’ufficio.

Le querele del sindaco

Il sindaco nei giorni scorsi ha querelato 147 persone che avevano commentato offensivamente l’inchiesta su Bibbiano, andando oltre con le critiche. Tra questi c’era anche il nome di Luigi Di Maio, il quale si era reso protagonista di un video molto criticato sugli affidi e le presunte colpe del PD.

L’inchiesta Angeli e Demoni

Le indagini sul caso “Angeli e Demoni” vanno avanti, con i presunti legami con l’inchiesta Veleno che erano usciti nelle scorse settimane, per la presenza di una ricorrente associazione legata agli affidi dei bambini.