Umbria, vince il “Sì” su Rousseau. Si ipotizza come candidata Francesca Di Maolo

È passato il voto su Rousseau sull'alleanza in Umbria tra il PD ed il M5S

umbria francesca di maolo voto rousseau pd m5s

Il voto sulla piattaforma Rousseau ha avallato l’alleanza regionale con il PD in Umbria, con il 60,9% di voti favorevoli, a fronte di una diminuzione dell’affluenza degli iscritti rispetto all’ultima votazione online per il Governo Conte. Il Movimento 5 Stelle ed il PD correranno insieme alle prossime regionali in Umbria, sostenendo un candidato civico, come aveva proposto Luigi Di Maio nei giorni scorsi. In totale hanno votato 35.036 persone, con 21.320 voti favorevoli (60,9%) e 13.716 voti contrari (39,1%).

Il voto su Rousseau

Per prendere la decisione riguardo ad un’alleanza regionale con il PD si è preferito lasciare scegliere alla piattaforma, con la domanda: “Sei d’accordo con la proposta di Di Maio, di sostenere un candidato civico, con il sostegno di altre forze politiche?”. Gli iscritti sembrano convinti dell’alleanza con il PD, visto il doppio voto favorevole in così breve tempo.

“I partiti facciano un passo indietro ora – hanno fatto sapere dal M5S – scegliamo il candidato e liberiamo l’Umbria dalla politica”, queste le parole trapelate, con la soddisfazione del capo politico Di Maio per il risultato.

Zingaretti soddisfatto del risultato

Il segretario del PD, Nicola Zingaretti, si è detto “fiducioso” sull’esito dell’alleanza regionale con il M5S: “Con l’aiuto di tutti arriveremo ad una candidatura solida”. Nelle ultime ore si è fatto il nome di Francesca Di Maolo, la presidente del centro di riabilitazioni disabili di Assisi. Ci sarebbe convergenza tra i due partiti, anche se non sono arrivate conferme ufficiali.