Renzi: “Investimenti verdi ma senza aumento delle tasse”

Matteo Renzi ha confermato il suo sostegno al Governo Conte

renzi italia viva governo investimenti tasse

Il fondatore di Italia Viva, Matteo Renzi, ha spiegato come intende affrontare la prossima manovra economica, che dovrà avere anche degli investimenti green, come previsto dal programma di governo tra le forze che supportano l’esecutivo. Nei giorni scorsi si era parlato di una “stangata” diesel per finanziare il decreto Ambiente, che per ora è messa in stand-by, soprattutto per il rischio scioperi degli autotrasportatori. Matteo Renzi rivendica il proprio operato nel far nascere questo esecutivo, ribadendo che si concluderà a fine legislatura, nel 2023.

Investimenti verdi senza aumentare le tasse

Renzi si dice sostanzialmente d’accordo con la politica “verde” del nuovo Governo, ma senza andare ad aumentare le tasse. Esclusa, dunque, la stangata sul diesel, che avrebbe equiparato il costo dei due carburanti, togliendo anche la possibilità agli autotrasportatori di farsi rimborsare le accise. Una manovra del genere potrebbe avere delle ripercussioni sui beni di consumo, che potrebbero aumentare repentinamente di prezzo.

Evitare l’aumento dell’Iva

Confermata anche la volontà di non aumentare l’Iva, una delle misure annunciate ancor prima della formazione del Governo: “C’è da evitare l’aumento dell’Iva, combattere l’evasione e non aumentare le tasse. Il Governo deve sfruttare la stabilità dei mercati”, ha detto Renzi, citando lo spread ai minimi, che fornisce uno spazio di manovra più ampio per la prossima manovra finanziaria.

“Se non ci fossimo schierati per questo Governo, Conte oggi farebbe altro – ha detto rispondendo a chi ipotizza una sua opposizione all’esecutivo – io sono quello dei diritti civili, del terzo settore, degli 80 euro, della fatturazione elettronica, per me parlano i fatti”, questa la posizione di Renzi, che assicura il proprio sostegno a Conte.

“Italia Viva non è un’operazione di palazzo”

“C’è molto entusiasmo attorno ad Italia Viva, migliaia di persone stanno riscoprendo il gusto di fare politica, è una situazione simile al 2012. Non parteciperemo alle Regionali, vogliamo ripartire dal basso. Alla Leopolda partirà il tesseramento, sarà possibile solo online”, ha spiegato Renzi sul suo nuovo partito, creando attesa per la Leopolda che si terrà a Firenze dal 18 al 20 ottobre.