Governo ultime notizie, scontro sulla rimodulazione dell’Iva: M5S e Renzi contrari

Il M5S va allo scontro nel Governo sull'aumento dell'iva in alcuni settori

ACQUISTI

Il M5S si unisce allo scontro nel Governo iniziato da Renzi e da Italia Viva, contro l’aumento dell’Iva nel 2020, come è stato ipotizzato nelle ultime ore, parlando di “rimodulazione”. A parlare di rimodulazione era stato il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, il quale aveva escluso un aumento dell’Iva, ma non una “rimodulazione”, durante la conferenza stampa tenuta insieme al premier Conte dopo aver approvato la NaDef.

In cosa consiste la rimodulazione

La rimodulazione consisterebbe nell’abbassamento dell’Iva su alcuni prodotti e sull’innalzamento in altri. Per esempio è uscita la voce, anche dal premier Conte, di un abbassamento dell’Iva sulle bollette, di un paio di punti, che vadano a bilanciare gli aumenti previsti ad ottobre. Si potrebbero alzare le aliquote sui beni di lusso, che potrebbero andare anche oltre l’attuale 22% di imposte indirette. I beni di prima necessità come pane e altri alimenti potrebbero vedersi l’Iva abbassata, come aveva proposto anche Conte, ipotizzando un’aliquota all’1% per il pane e la frutta.

Luigi Marattin, deputato di Italia Viva, non aveva chiuso a questo scenario, intervenuto ad Agorà nei giorni scorsi aveva dichiarato: “L’importante è che il gettito finale sia sempre di ‘tot’ miliardi, se oggi lo Stato prende 100 miliardi di euro dall’Iva, non ne dovrà prendere 101”. Queste parole fanno pensare che alla fine Italia Viva voterà a favore di una rimodulazione, basta che i cambiamenti siano equilibrati tra loro e che non si vada a chiedere più gettito ai cittadini.

Diversa la posizione del M5S, che oggi chiude all’aumento dell’Iva, ipotizzando anche la caduta del Governo. Laura Castelli, sottosegretaria al ministero dell’Economia, minimizza: “Non si siano tabù”. L’esponente del M5S cita l’esempio delle patatine fritte, la cui aliquota al momento è al 4%: “Non è pensabile che ci sia l’aliquota al 10% per i beni da collezione”. Un’apertura alla rimodulazione, dunque, anche per quanto riguarda il Movimento 5 Stelle.

Della stessa opinione Francesco Boccia (PD), ministro degli Affari Regionali: “Oggi alcune imposte sono ingiuste, è giusto rimodulare alcune aliquote. Siamo la sinistra, non la destra”.

spot_img

SEZIONI

spot_img
spot_img

Ultime notizie

Black Friday, super sconto per abbonamento 12 mesi del PlayStation Plus

In super sconto l'abbonamento del PlayStation Plus per la settimana del Black Friday, con un prezzo fissato a 39,99...
spot_img