Dazi Usa dal 18 ottobre: stangata per formaggi e prosciutto, salvi vino ed olio

Gli Stati Uniti pronti a tassare anche i beni alimentari come pecorino, provolone, parmigiano e prosciutto

Da leggere

Coronavirus, attesa Conferenza Stampa del Premier Conte alle 20.20

È stata pianificata una conferenza stampa del premier Conte alle ore 20.20 di questa sera, per dare...

Coronavirus, Bollettino Protezione Civile 9 aprile: 18.279 morti, 149mila contagiati

Il capo della Protezione Civile, Angelo Borrelli, ha comunicato i dati sull'andamento dell'emergenza da coronavirus. Nei giorni...

Fmi: “La peggiore crisi dal 1929”

Sul fronte dell'emergenza da coronavirus c'è uno scenario negativo prospettato dal Fondo Monetario Internazionale, con le dichiarazioni...
Andrea Palci
Laureato in Economia, esperto di politica, economia, sondaggi elettorali ed altri argomenti economici legati alla politica nazionale ed internazionale. Nato a Roma con interesse anche per scienza e spettacoli. -- via Nomentana 21 00161, Roma -- tel 393 4439344

SEGUICI SUI SOCIAL

1,914FansLike
2,311FollowersFollow
364FollowersFollow

I dazi degli Stati Uniti verso l’Unione Europea partiranno dal 18 ottobre, dopo l’autorizzazione del Wto di ieri per un totale di 7,5 miliardi di dollari. Colpiranno formaggi e prosciutto, con un rischio per l’esportazione di questi prodotti, mentre saranno salvi olio e vino, come ha comunicato il Dipartimento al Commercio degli Stati Uniti, una decisione che era scontata dopo il responso del Wto con il via libera alle nuove tariffe.

Tassati pecorino e parmigiano

Nell’elenco dei prodotti tassati ci sono molti alimenti che sono alla base delle nostre esportazioni, come il pecorino ed il parmigiano, oltre il prosciutto. Per l’Italia si parla di un totale di un miliardo di dazi in beni alimentari. La tariffa dovrebbe essere del 25% sui beni alimentari ed agricoli. A rischio la crescita prevista per il prossimo anno, nella NaDef approvata nei giorni scorsi era stata prevista allo 0,6%, ma se ci dovesse essere un crollo delle esportazioni questo numero potrebbe essere rivisto al ribasso. L’Italia potrebbe essere il paese più colpito dai dazi dopo la Francia, anch’essa grande esportatrice di formaggi.

A rischio anche prodotti della moda e cosmetici

L’allarme è lanciato da Coldiretti, che ha spiegato come potrebbero essere colpiti non solo i beni alimentari italiani, ma anche quelli legali all’abbigliamento ed alla cosmetica. Il premier Conte ha definito la situazione dei dazi una “situazione molto seria”: “Confidiamo nelle attenzioni del nostro alleato su quelle che sono le nostre produzioni strategiche”. Critiche anche dalla Francia con il ministro dell’Economia, Bruno Le Maire: “Gli Stati Uniti stanno facendo un grande errore economico e politico”. La Francia è il Paese che è andato allo scontro con gli Stati Uniti, per la questione tra Boeing ed Airbus, lo storico contenzioso tra i due colossi del web, con gli Usa che accusano l’Europa di aiuti di Stato verso Airbus e per questo sono stati imposti i dazi.

SEGUICI SUI SOCIAL

1,914FansLike
2,311FollowersFollow
364FollowersFollow

Ultime notizie

Coronavirus, attesa Conferenza Stampa del Premier Conte alle 20.20

È stata pianificata una conferenza stampa del premier Conte alle ore 20.20 di questa sera, per dare...

Coronavirus, Bollettino Protezione Civile 9 aprile: 18.279 morti, 149mila contagiati

Il capo della Protezione Civile, Angelo Borrelli, ha comunicato i dati sull'andamento dell'emergenza da coronavirus. Nei giorni scorsi (8 APR - 7...

Fmi: “La peggiore crisi dal 1929”

Sul fronte dell'emergenza da coronavirus c'è uno scenario negativo prospettato dal Fondo Monetario Internazionale, con le dichiarazioni del direttore generale Kristalina Georgieva,...

Sondaggi politici oggi 9 aprile: la Lega perde un punto

Secondo quanto riportato dai sondaggi politici di oggi 9 aprile 2020 realizzati dall'istituto EMG Acqua per la trasmissione Agorà su Rai Tre,...

Eurogruppo, Merkel: “No ad Eurobond, sì a solidarietà”. Colloquio con Conte

La cancelliera Angela Merkel ha spiegato il punto di vista del Governo tedesco sulla questione degli Eurobond, molto discussi a livello europei...
realizzazione siti web economici wolfseo

Altri articoli