Gentiloni in audizione: “Non sarò il Commissario dell’Italia. Obiettivo ridurre i debiti alti”

Paolo Gentiloni ha aperto ad una revisione del Patto di Stabilità

ACQUISTI

Il neo Commissario agli Affari Economici, Paolo Gentiloni, ha tenuto un’audizione al Parlamento Europeo sul suo mandato, con l’ombra degli aiuti all’Italia, non ben visti dagli altri paesi europei, soprattutto quelli del nord Europa. Gentiloni ha aperto ad una revisione del Patto di Stabilità, come era stato anticipato anche dal premier Conte, ma nel rispetto del mantenimento dei debiti ed alla loro riduzione. Inoltre ha lanciato un appello all’Italia, che “sarà trattata come gli altri Stati membri”, per evitare le polemiche sulla sua vicinanza al Governo Conte. In riferimento alla manovra di bilancio italiana ha spiegato che “darò la stessa attenzione a tutti i bilanci dei 28 Stati membri, senza trattamenti di favore”.

Obiettivo la riduzione degli alti debiti pubblici

Durante il suo mandato avrà come obiettivo quello di abbassare i debiti pubblici più alti in Europa, tra i quali c’è anche quello italiano: “Mi concentrerò sulla riduzione dei vari debiti pubblici, evitando di creare destabilizzazioni per l’aumento di debiti già alti”. Inoltre ha aperto al tema della flessibilità, di cui si discute molto in Italia e di cui aveva già parlato anche Gentiloni. “Ci sarà lo spazio di manovra per le economie che stanno rallentando”, con riferimento anche alla Germania, invitata ad investire dopo aver accumulato un buon avanzo primario ed avendo un’economia in recessione, con effetti negativi su tutta l’Eurozona.

Rivedere il Patto di Stabilità

Per Paolo Gentiloni il Patto di Stabilità “non è perfetto” e per questo andrà rivisto: “Sfrutterò l’opportunità del six e two pack per cercare di riformare il Patto di Stabilità”. Una delle possibilità è quella di togliere gli investimenti dal totale che va a formare il bilancio degli Stati, soggetti al Patto di Stabilità. L’idea è quella di togliere gli investimenti dal conteggio del deficit, per dare la possibilità agli Stati di avere più margine di manovra: “Controllerò il Patto di Stabilità per garantire la sostenibilità dei conti, farò uso della flessibilità se necessario. Ogni Paese ha subito la crisi in maniera diversa ed in questo senso bisogna intervenire”.

Un piano contro la disoccupazione

Il neo Commissario italiano ha spiegato che intende realizzare un piano europeo contro la disoccupazione e per il sostegno ai disoccupati: “Politicamente non sarà un compito facile, ma possiamo produrre una protezione per i cittadini che ne hanno bisogno”. Questa la posizione di Gentiloni, che potrebbe realizzare l’assegno di disoccupazione europeo durante il suo mandato, che termina nel 2024.

spot_img

SEZIONI

spot_img
spot_img

Ultime notizie

Offerte del giorno oggi 29 luglio, in sconto smartphone e smartwatch

Sono ancora in sconto molti smartphone e smartwatch di fascia media su Amazon, con molti dispositivi Samsung che sono...
spot_img