Liberati in Iran due turisti australiani che avevano fatto volare un drone

L'Iran ha liberato due turisti australiani in carcere da tre mesi

ACQUISTI

Sono stati liberati in Iran due turisti australiani che erano stati arrestati per aver messo in volo un drone senza permesso, dopo oltre tre mesi di reclusioni, in una vicenda che stava diventando diplomatica tra i due Paesi. La comunicazione è stata pubblicata dal ministro degli Esteri dell’Australia, Marise Payne, che ha seguito la vicenda dal suo inizio, con l’arresto di Mark Firkin e Jolie King, con quest’ultima che aveva anche la cittadinanza britannica. Entrambi sono stati riportati in Australia, chiudendo così la vicenda aperta nei mesi scorsi, per l’arresto di due turisti stranieri in territorio iraniano. Una terza donna è ancora in carcere, anche lei in possesso della cittadinanza britannica ma condannata a dieci anni di reclusione per spionaggio.

Gli arresti vennero confermati da Teheran nel momento di maggiore scontro con gli Stati Uniti, con il ritorno delle sanzioni e la conseguente uscita dell’Iran dagli accordi del 2015, in una situazione ancora difficile e con molte tensioni internazionali. Durante l’estate era stato abbattuto un drone americano in territorio iraniano, con successivi sequestri di navi straniere trasportanti petrolio nello stretto di Hormuz.

spot_img

SEZIONI

spot_img
spot_img

Ultime notizie

Coronavirus nel mondo oggi 16 giugno, salgono i casi in Brasile

Sono in aumento i casi positivi in Sud America, con i contagiati da coronavirus in rialzo nelle ultime settimane....
spot_img