Riforma Pensioni, Nannicini: pensione a 64 anni per superare Quota 100

Nannicini ha avanzato una proposta per il superamento di Quota 100 dal 2022

Da leggere

Regno Unito, oggi il voto: conservatori in vantaggio

Oggi si vota in Regno Unito per le elezioni generali, che dovranno trovare una soluzione alla Brexit,...

ArcelorMittal, 3.500 esuberi dopo chiusura Altoforno 2

Dopo la decisione dalla Procura di Taranto di porre a chiusura l'Altoforno 2, l'azienda ArcelorMittal ha comunicato...

Conte: “Dal Mes nulla da temere”

Il premier ha tenuto un discorso alla Camera sulla situazione del Mes, che da settimane è al...
Andrea Palci
Laureato in Economia, esperto di politica, economia, sondaggi elettorali ed altri argomenti economici legati alla politica nazionale ed internazionale. Nato a Roma con interesse anche per scienza e spettacoli. -- via Nomentana 21 00161, Roma -- tel 393 4439344

Si iniziano ad intravedere le proposte per “superare” Quota 100 alla scadenza della sperimentazione, prevista nel 2021 e confermata dal ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, che in una recente intervista ha dichiarato in maniera netta che non verrà rinnovata dopo il triennio. Questo pone due problemi: trovare una riforma delle pensioni che possa sostituire Quota 100 alla fine del triennio e risolvere il problema dello scaglione degli “esodati” da Quota 100, cioè delle persone che rimaranno fuori dalla possibilità di andare in pensione anticipata a 62 anni da un anno all’altro. Nella proposta di Nannicini si parla di avere una pensione solo “contributiva” e di una perdita quindi del vantaggio per i lavoratori che hanno ancora una parte di regime retributivo. Qui (riforma nannicini) è possibile trovare il testo completo del disegno di legge a firma Nannicini.

La proposta di Nannicini: pensione a 64 anni

L’ex responsabile economico del PD, Tommaso Nannicini, ha presentato una sua proposta di legge per superare Quota 100, che possa essere “mediatrice” tra i 62 anni della riforma attualmente in vigore e l’età anagrafica necessaria secondo la legge Fornero, attualmente a 67 anni di età e che presto diventeranno 68. Nannicini propone il paletto dei 64 anni di età e di 20 di contributi, in maniera tale da andare incontro anche alle richieste delle donne, che spesso avevano criticato Quota 100 per l’alta richiesta di contributi, specialmente dal Comitato Opzione Donna Social, guidato da Orietta Armiliato, che da anni chiede una riforma strutturale di Opzione Donna, per dare la possibilità alle cittadine di andare in pensione anticipata.

Nel disegno di legge proposto da Nannicini ed altri esponenti democratici, si critica la legge Quota 100, approvata con decreto legge il 28 gennaio 2019, la quale “reintroduce la logica degli interventi tampone”. Per Nannicini si doveva intervenire sulla legge Fornero, rendendo strutturali le modifiche che ne avrebbero migliorato la percezione da parte dei cittadini, mentre con Quota 100, si scrive nella proposta, si avvantaggiano solamente i lavoratori “con redditi più alti e residenti al Nord del Paese”, “scaricando il costo sugli altri lavoratori con il blocco delle indicizzazioni”.

L’obiettivo del disegno di legge è quello di introdurre la flessibilità in uscita dal mondo del lavoro, pur mantenendo una sostenibilità della spesa pensionistica. Inoltre la prima parte del disegno di legge si occupa delle pensioni di garanzia dei giovani, chiedendo un aumento dell’importo minimo della pensione di garanzia, di 15 euro per ogni anno di anzianità contributiva che sia superiore al ventesimo.

I paletti della proposta di Nannicini

  • Anzianità contributiva non inferiore a 20 anni
  • Requisito anagrafico di 64 anni

Viene fornita la possibilità di riscattare gli anni di contributi parziali o mancanti antecedenti di cinque anni la richiesta di pensione.

L’adattamento di Opzione Donna

Con questa riforma verrebbe “superata” Opzione Donna, ma si manterrebbe uno scaglione fino al 2028 per le donne, rispetto all’attuale norma, con l’aumento di un anno nella richiesta anagrafica ogni 12 mesi, dai 58 anni attuali. Siccome questa riforma pensioni partirebbe nel 2022, si avrebbe un limite di età per le donne nel 2023 pari a 60 anni, fino ad arrivare ai 64 anni della proposta, in maniera graduale.

Non ci sarà lo scaglione per Quota 100

Non ci saranno misure “graduali” per Quota 100, ma si passerebbe da un anno (2021) all’altro (2022) con subito i nuovi parametri. I lavoratori invece di perdere cinque anni, rispetto a Quota 100 sarebbero “penalizzati” di soli due anni a livello anagrafico.

Loading...

SEGUICI SUI SOCIAL

1,699FansLike
1,705FollowersFollow
305FollowersFollow

Ultime notizie

Regno Unito, oggi il voto: conservatori in vantaggio

Oggi si vota in Regno Unito per le elezioni generali, che dovranno trovare una soluzione alla Brexit,...

ArcelorMittal, 3.500 esuberi dopo chiusura Altoforno 2

Dopo la decisione dalla Procura di Taranto di porre a chiusura l'Altoforno 2, l'azienda ArcelorMittal ha comunicato la cassa integrazione per 3.500...

Conte: “Dal Mes nulla da temere”

Il premier ha tenuto un discorso alla Camera sulla situazione del Mes, che da settimane è al centro delle discussioni tra maggioranza...

Impeachment Trump, due capi di accusa

La procedura di impeachment per Donald Trump è in fase di avanzamento, con la pubblicazione dei due capi di accusa formulati dai...

Repubblica Ceca, uomo armato fa irruzione in ospedale: sei morti

Un uomo armato ha fatto irruzione in una struttura ospedaliera in Repubblica Ceca, nel complesso universitario di Ostrava, nella zona settentrionale del...

Altri articoli