Nobel per la Fisica assegnato a James Peebles, Michel Mayor e Didier Queloz

Assegnato il Nobel per la Fisica a tre scienziati che hanno scoperto il primo esopianeta simile alla Terra nel 1995

premio nobel fisica 2019

Oggi è stato assegnato il Nobel per la Fisica a James Peebles, Michel Mayor e Didier Queloz, per il loro lavoro sulla scoperta di nuovi pianeti simili alla Terra e sull’evoluzione dell’Universo. Il premio maggiore è andato a Peebles, che ne riceverà metà, che dagli anni Sessanta studia l’universo attraverso la radiazione cosmica di fondo.

Nel suo studio ha fatto notare come solo il 5% della materia intorno a noi è descrivibile, mentre il resto è ancora oscura e su cui si sa quasi nulla. Il restante del Premio Nobel sarà diviso tra Mayor e Queloz, che hanno scoperto il primo pianeta che orbita intorno ad una stella simile al Sole, chiamata 51 Pegasi, nelle indagini sulla ricerca di un sistema di vita simile a quello che c’è sulla Terra. “È stata la scoperta più importante della nostra carriera, in quegli anni non si sapeva ancora dell’esistenza degli esopianeti, cercati per anni, ma in maniera invana”.

La prima scoperta di 51 Pegasi è stata fatta durante un’osservazione del 1995, quando notarono un pianeta che ruotava intorno ad una stella fuori dal nostro sistema. Come hanno riferito gli esperti dell’Accademia, da quel momento sono stati scoperti oltre 4.000 esopianeti simili alla Terra nella Via Lattea, con differenze di dimensioni, distanze dalla stella e tipologie di orbite. Per questo è stato deciso di affidare il Premio Nobel per la Fisica ai primi scienziati che avevano individuato, nel 1995, il primo esopianeta. Oggi Peebles insegna a Princeton, negli Stati Uniti, ad 84 anni, mentre Mayor e Queloz insegnano entrambi a Ginevra ed hanno rispettivamente 53 e 77 anni. Nella loro scoperta del 1995 utilizzarono un telescopio non troppo potente, realizzato con due specchi di due metri e posto nella zona di Avignone, nell’Osservatorio dell’Alta Provenza.

Venerdì il Nobel della Pace

Ieri è stato assegnato il Nobel per la Medicina, a tre scienziati che hanno lavorato sulle cellule e sulle reazioni alla mancanza di ossigeno, una ricerca che potrebbe avere delle evoluzione al contrasto delle malattie. Nella giornata di giovedì saranno assegnati due Premi Nobel per la Letteratura, dopo la sospensione dello scorso anno, e venerdì quello della Pace, per il quale la favorita è Greta Thunberg.