Domani le elezioni in Polonia: quello che c’è da sapere. Nazionalisti avanti

Domani ci saranno le elezioni in Polonia, con i nazionalisti favoriti nei sondaggi

Da leggere

Roma, elicottero cade nel Tevere

Un elicottero è precipitato nel Tevere vicino Roma, a Nazzano Romano, con i soccorsi che sono giunti...

Conte incontra Rutte in Olanda: “Convergenza non piena”

Il premier italiano Giuseppe Conte ha incontrato in Olanda il premier olandese Mark Rutte all'Aja. "Clima ottimo...

Indice Rt, rimane sopra la soglia di 1 in Emilia-Romagna, Toscana, Lazio e Piemonte

Il ministero della Salute ha pubblicato i dati sulla diffusione da coronavirus dell'ultima settimana, confermando il trend...
Lenovo

Domani si terranno le attese elezioni in Polonia, dopo una legislatura di governo del PIS (Diritto e Giustizia), il movimento nazionalista guidato da Jarosław Kaczyński. I sondaggi li danno in vantaggio sulla KO (Coalizione Civica), il movimento politico europeista da cui proviene anche il presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk.

Sistema elettorale

La Polonia ha un sistema elettorale proporzionale con soglia di sbarramento. Le soglie di sbarramento sono molto alte: il 5% per le forze politiche singole e l’8% per le coalizioni. Nelle ultime elezioni questo meccanismo ha consentito al PIS di ottenere la maggioranza in Parlamento, a causa del 16% di voti che non sono stati presi in considerazione a causa delle soglie di sbarramento. Proprio in virtù di questo nel 2019 si presenteranno solamente cinque liste alle elezioni.

Le urne apriranno alle ore 7.00 del mattino e chiuderanno alle ore 21.00. Nel Paese è stato indetto il silenzio elettorale per tutta la giornata di sabato e per domenica fino alle 21.00. Gli exit poll sono attesi per quell’orario, appena si chiuderanno i seggi, mentre i risultati ufficiali sono attesi per la giornata di lunedì. Il sito governativo dove saranno resi noti i risultati ufficiali è reperibile a questo indirizzo.

Sejm – 460 seggi

È la Camera “bassa” del Parlamento, ma quella più importante ai fini del Governo, con i seggi che vengono assegnati in maniera proporzionale e ne occorrono 231 per la maggioranza assoluta. Il partito Diritto e Giustizia ne aveva ottenuto 240 alle scorse elezioni.

Senat – 100 seggi

È la Camera “alta” del Parlamento, con meno funzioni esecutive. Le elezioni avvengono con elezioni in 100 collegi. Alle scorse elezioni Diritto e Giustizia prese 61 seggi.

Le cinque coalizioni

Proprio per le alte soglie di sbarramento, che alle scorse elezioni hanno fatto perdere parecchi voti, quest’anno si sono presentate solamente 5 liste, che dovranno ottenere almeno l’8% se non vorranno disperdere i loro voti in favore degli avversari.

[table id=102 /]

Possibili scenari

La conferma del Governo PiS è altamente probabile, secondo gli ultimi sondaggi elettorali c’è stata un’accelerazione della coalizione negli ultimi mesi, con conseguente calo della Coalizione Civica. Inoltre se Confederazione non dovesse arrivare all’8%, cosa probabile, le sue percentuali, e relativamente i seggi, potrebbero aumentare. Non dovrebbe avere difficoltà a superare la maggioranza dei seggi di 231 per avere di nuovo il controllo del governo.

Più difficile che arrivi ad una maggioranza più ampia, che gli permetterebbe di cambiare la costituzione, con oltre 300 seggi. Inoltre se dovesse arrivare intorno ai 270 si metterebbe al riparo anche da possibili veti presidenziali nel caso in cui le opposizioni dovessero eleggere il prossimo presidente.

SEGUICI SUI SOCIAL

3,929FansLike
2,360FollowersFollow
388FollowersFollow

Ultime notizie

Roma, elicottero cade nel Tevere

Un elicottero è precipitato nel Tevere vicino Roma, a Nazzano Romano, con i soccorsi che sono giunti...

Conte incontra Rutte in Olanda: “Convergenza non piena”

Il premier italiano Giuseppe Conte ha incontrato in Olanda il premier olandese Mark Rutte all'Aja. "Clima ottimo ma non c'è piena convergenza",...

Indice Rt, rimane sopra la soglia di 1 in Emilia-Romagna, Toscana, Lazio e Piemonte

Il ministero della Salute ha pubblicato i dati sulla diffusione da coronavirus dell'ultima settimana, confermando il trend in alcune regioni italiane, dove...

I migliori smartphone di luglio 2020: molti sconti causa Covid

Con il lockdown e l'epidemia da coronavirus sono calati anche i consumi, che hanno portato molte compagnie di vendita di dispositivi elettronici...

Altri articoli