Hagibis, si aggrava il bilancio: 10 morti e molti dispersi in Giappone

Il tifone Hagibis ha provocato per ora 10 morti e 16 dispersi in tutto il Giappone

tifone hagibis giappone morti

Il tifone Hagibis si è scagliato contro le coste del Giappone ed ha già causato alluvioni e frane in molte zone interne vicino alla capitale Tokyo. Il bilancio delle vittime è salito a dieci persone, con almeno 16 dispersi che sono in aumento nelle ultime ore. L’allerta era stata data dalle autorità per la potenza attesa dal tifone, catalogato di categoria 5, la più alta, con piogge torrenziali che hanno causato molti allagamenti.

Evacuate 7 milioni di persone

Sulla regione del Tokai sono arrivate piogge per 1.000 mm, che hanno causato l’evacuazione di 7 milioni di persone. Già prima dell’arrivo del tifone era stato emanato l’avviso di evacuazione per 3,2 milioni di persone, con 13.500 persone che si sono recate nei rifugi. In alcune zone del Giappone le acque hanno raggiunto i 5 metri di altezza. Le notizie sul tifone Hagibis arrivano principalmente dal canale pubblico Nhk.

L’aeroporto di Haneda di Tokyo ha ripreso le attività, anche se molti voli delle principali compagnie aeree rimangono cancellati, mentre i treni hanno ripreso la loro corsa, compresi quelli superveloci Shinkansen della capitale Tokyo, dove anche la metropolitana ha ripreso il servizio.

Pericolo per Fukushima

Era stata emanata l’allerta anche per l’ex centrale nucleare di Fukushima, ancora con zone di alta radioattività, che ha subito il tifone Hagibis, con molta radiottività che è finita in acqua dal terreno circostante, a causa delle forti piogge. Questo è stato causato dagli allagamenti sulle zone radioattive, che hanno formato dei ruscelli di acqua che si sono riversati in mare. Il nucleo delle centrali nucleari non sembra comunque a rischio dal tifone.

La sospensione delle attività sportive

Ci sono state molte sospensioni a livello sportivo, con l’annullamento delle qualifiche di Formula 1, per evitare lo spostamento di migliaia di persone nel giorno del tifone, ed anche di alcune gare del Mondiale di Rugby, che si sta tenendo in questo periodo. Anche la gara dell’Italia contro gli All Blacks è stata annullata per paura di possibili interferenze del tifone.