Torino, tenta di sgozzare la compagna durante un permesso

Una donna è stata aggredita dal suo fidanzato con un coccio

Da leggere

Iran, forte scossa di terremoto al confine con la Turchia: morti e dispersi

Una forte scossa di terremoto ha colpito l'Iran, in una zona di confine con la Turchia, provocando...

Migranti, sbarco Ocean Viking: attivata la quarantena per 274 persone

Sono sbarcate a Pozzallo 274 persone portate dalla nave Ocean Viking. La nave era attesa nel porto...

Roma, schianto in auto: muore un 39enne

Incidente a Roma sulla via Pontina nella serata di ieri, con l'uomo alla guida che ha perso...
Andrea Palci
Laureato in Economia, esperto di politica, economia, sondaggi elettorali ed altri argomenti economici legati alla politica nazionale ed internazionale. Nato a Roma con interesse anche per scienza e spettacoli. -- via Nomentana 21 00161, Roma -- tel 393 4439344

Una donna di 44 anni ha subito una ferita alla gola questa notte a Barriera di Milano, a Torino. L’autore dell’aggressione è stato il fidanzato, uscito di prigione per un permesso di lavoro, che ha tentato di sgozzarla con un coccio. L’uomo era in carcere dal 2008 per aver ucciso una sua compagna. La donna ha raccontato di essersi salvata perché indossava una sciarpa, durante il suo interrogatorio nel Commissariato Barriera di Milano, con il vicequestore Alice Rolando che indaga sul tentato omicidio.

L’aggressore è Mohamed Safi, tunisino di 36 anni, che è in prigione da oltre 10 anni per un omicidio risalente al 9 giugno 2008. Aveva ottenuto un permesso per lavorare, non dando segni di poter ripetere il gesto. La sua precedente compagna era stata uccisa a 21 anni, si chiamava Alessandra Mainolfi, di Bergamo. L’aveva uccisa con due coltellate all’addome, per poi chiamare i carabinieri ammettendo l’omicidio: “Ho ucciso il mio amore”. Era stato condannato a 12 anni, ma lavorava tutti i giorni in un bistrò, con l’obbligo di rientro in cella entro le due di notte.

La donna aveva appena scoperto che il suo fidanzato, conosciuto nel locale dove lavorava, era stato condannato per omicidio e per questo motivo aveva deciso di troncare la relazione. La coppia si trovava su un tram in corso Giulio Cesare, e quando sono scesi, vicino la casa della donna, lui l’ha aggredita alle spalle, sfregiandole il volto. Ora la donna è stata trasportata in ospedale, il Maria Vittoria. Non è in pericolo di vita, ma le ferite sono molto gravi.

SEGUICI SUI SOCIAL

1,761FansLike
1,907FollowersFollow
328FollowersFollow
realizzazione siti web economici wolfseo

Ultime notizie

Iran, forte scossa di terremoto al confine con la Turchia: morti e dispersi

Una forte scossa di terremoto ha colpito l'Iran, in una zona di confine con la Turchia, provocando...

Migranti, sbarco Ocean Viking: attivata la quarantena per 274 persone

Sono sbarcate a Pozzallo 274 persone portate dalla nave Ocean Viking. La nave era attesa nel porto di Pozzallo nella giornata di...

Roma, schianto in auto: muore un 39enne

Incidente a Roma sulla via Pontina nella serata di ieri, con l'uomo alla guida che ha perso la vita. Secondo quanto riportato...

Egitto, custodia di Zaky prolungata di 15 giorni

La custoria cautelare di Patrick Zaky è stata prolungata di 15 giorni in Egitto, con l'udienza che era attesa nella giornata di...

Coronavirus, irritazione Oms: “Non sapete come è partito il contagio”

Arriva una leggera irritazione da parte dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, che è preoccupato dalla situazione italiana, per le modalità con le quali...
realizzazione siti web economici wolfseo

Altri articoli