La nave Alan Kurdi è in acque italiane: “Chiesto un porto sicuro”

La nave Alan Kurdi è in acque italiane in attesa di un porto sicuro

ACQUISTI

La nave Alan Kurdi dell’Ong tedesca Sea Eye, ha fatto sapere via Twitter di essere entrata in acque italiane a causa delle forti onde che stavano mettendo a rischio la navigata. A bordo ci sono 88 migranti, con la nave che aspetta un porto sicuro da alcuni giorni: “Nonostante ci sia una soluzione diplomatica, non ci è stato ancora assegnato un porto sicuro”, queste le critiche di Sea Eye alla situazione che si è venuta a creare. Ora la Alan Kurdi si trova a poche miglia dalla costa della Sicilia orientale, mentre la Guardia Costiera aveva soccorso una donna incinta di 20 anni che aveva problemi fisici all’interno della nave.

Open Arms: “Affidati a Malta 15 migranti”

Nelle stesse ore l’Ong spagnola Open Arms ha fatto sapere che i 15 migranti che erano stati soccorsi nei giorni scorsi sono stati affidati ad una motovedetta maltese, risolvendo un altro caso che si stava creando nelle acque del Mediterraneo.

spot_img

SEZIONI

spot_img
spot_img

Ultime notizie

Coronavirus, Bollettino Protezione Civile 16 maggio: oltre 5 mila casi. Calano i morti

I dati di oggi 16 maggio sul coronavirus in Italia sono stati forniti dalla Protezione Civile via web. Nei...
spot_img