Alan Kurdi, trovato l’accordo con l’Europa: sbarco a Taranto

Accordo trovato tra i paesi europei per lo sbarco dell'Alan Kurdi

ACQUISTI

È stato trovato l’accordo per la questione legata alla nave Alan Kurdi, che ieri è entrata nelle acque territoriali italiane, a causa del maltempo, con lo sbarco che verrà effettuato nelle prossime ore nel porto di Taranto. La Alan Kurdi è gestita dall’Ong tedesca Sea Eye, chiedeva da giorni un porto sicuro per gli 88 migranti salvati a largo della Libia. Saranno redistribuiti tra Francia e Germania, che ne prenderanno 60, mentre il Portogallo ne prenderà 5 e l’Irlanda 2. La nave si trova vicino le coste della Sicilia orientale ed ora dovrà recarsi al porto di Taranto, come da comunicazione della Guardia Costiera.

La notizia è stata resa nota dal Viminale, dopo le dichiarazioni di ieri del ministro Luciana Lamorgese, che ha risposto a Salvini sulla questione degli arrivi in proporzione allo scorso anno. Inoltre oggi si rinnovano automaticamente gli accordi con la Libia, firmati il 2 febbraio 2017 ed aventi una clausola per la quale si potevano ritirare entro il 2 novembre 2019. Il Governo ha spiegato di voler modificare la gestione dei migranti nelle prigioni, ma non ha messo in discussione l’accordo.

spot_img

SEZIONI

spot_img
spot_img

Ultime notizie

Black Friday, super sconto per abbonamento 12 mesi del PlayStation Plus

In super sconto l'abbonamento del PlayStation Plus per la settimana del Black Friday, con un prezzo fissato a 39,99...
spot_img