Arresti delle cosche calabresi in ristoranti in Lombardia e Piemonti

Arresti in Piemonte e Lombardia nell'ambito della ristorazione

polizia ndrangheta piemonte lombardia cosche

Sono stati effettuati 9 arresti dalla Polizia di Milano in merito ad un’inchiesta su alcune cosche calabresi, legate alla ‘ndrangheta, che avevano fatto degli investimenti in ristoranti della Lombardia e del Piemonte. Sono state emesse 9 custodie cautelari in carcere per cittadini italiani, con l’accusa di associazione a delinquere di stampo mafioso, oltre al trasferimento fraudolento di valori. In totale sono stati sequestrati dei beni per un totale di decine di milioni di euro, con molti ristoranti che facevano parte della nota catena “Tourlé”, molto attiva nel settore del “giro-pizza”.

Le aziende erano legate ad un noto pregiudicato in affari con le cosche calabresi. Le indagini sono state portate avanti dalla Procura di Milano, insieme alla squadra mobile milanese e la Divisione anticrimine milanese, che si sono occupati della vicenda ed hanno consentito di far luce sugli affari illeciti che alcuni ambienti vicino alla ‘ndrangheta avevano portato al Nord Italia. Erano stati investiti molti soldi nel settore della ristorazione, anche per riciclare del denaro ottenuto da azioni di criminalità organizzata.