Gualtieri: “Nazionalizzare l’Ilva è pericoloso”. Possibile inserimento di Cdp

Roberto Gualtieri ha ammesso un possibile intervento di Cassa Depositi e Prestiti

ACQUISTI

Il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, ha parlato del caso Ilva, che ha monopolizzato l’opinione pubblica e sta creando dei problemi alla maggioranza, con la multinazionale che ha deciso di ritirarsi dall’acquisto, dopo la revoca dell’immunità penale che questo governo ha votato. Per il ministro non è possibile nazionalizzare l’Ilva, che viene definito “pericoloso”, ma rimane aperta la strada di un possibile inserimento di Cassa Depositi e Prestiti, anche se non è chiaro quale sia il partner da affiancare in un’operazione che sarebbe simile a quella tentata con Alitalia, dove però ci sono Atlantia e Delta pronte ad investire.

Il Movimento 5 Stelle ha aperto ad un intervento pubblico sull’Ilva, mentre Roberto Gualtieri ha negato questa possibilità, aprendo solo alla possibilità di far entrare Cassa Depositi e Prestiti, che comunque ha un controllo statale. L’intervento di Cdp, dice Gualtieri, “fa parte della cassetta degli strumenti di cui dispone lo Stato”, facendo intendere che è una delle possibilità se la situazione non si risolvesse. “L’idea che quando c’è una crisi industriale arriva lo Stato con la bacchetta magica è un’idea pericolosa”, ha detto Gualtieri, facendo intendere la sua posizione a riguardo.

SEZIONI

Ultime notizie

Usa, chiesta la sospensione del vaccino Johnson & Johnson dopo rari casi di trombosi

Negli Stati Uniti è stata chiesta la sospensione del vaccino Johnson & Johnson dopo alcuni rari casi di trombosi....